OSSERVATORIO MADE IN

Mercoledì, 18 Settembre, 2019

Si parla di Made in Italy, ma l

Notizia del 17/03/2014

Sfilate, promozioni, fiere settoriali, red carpet italiani ed esteri, tutti curiosi a vedere il nuovo outfit, la nuova borsa, le scarpe più estrose, i mobili di design più all’avanguardia, i gioielli più fantasiosi, ma gli autori di tanto glamour: gli artigiani italiani, che da decenni fanno del loro lavoro, della loro professionalità il fiore all’occhiello di questo Paese che sempre più sta andando alla deriva. E chi ne paga le conseguenze, sempre gli artigiani italiani che con le loro piccole e medie imprese ogni giorno combattono con micidiali concorrenze, fatte dai paesi asiatici che non fanno altro che copiare il nostro ingegno. Ma oltre questo, le PMI sono strangolate da un sistema fiscale che attaglia e dissangua le già poche risorse che in questo momento sono a loro disposizione. Il calo delle commesse è evidente, la crisi avanza e non ci sono più le disponibilità finanziarie di una volta, anche i ricchi hanno stretto il cordone della borsa e sono più oculati nei loro acquisti. Si sa i periodi di magra ci sono per tutti ed il futuro spaventa sempre più. Ma le aziende tengono duro, e del loro lavoro ne fanno una bandiera da portare avanti, con dignità con discrezione, ed a volta anche in maniera forte, quando davanti c’è una problematica complessa come quella di pagare gli stipendi, i contributi, le tasse, e se le casse languono? allora bisogna operare una scelta: o pagare gli stipendi o tutte le incombenze fiscali. Ed ecco che si opta per gli stipendi dei dipendenti, perchè loro e loro famiglie fanno conto di quell’emolumento così prezioso per poter andare avanti. Per tutto il resto c’è sempre tempo, purchè sia salvaguardato il posto di lavoro! Quanto siamo stati orgogliosi al momento della vincita dell’Oscar del film di Paolo Sorrentino “La grande bellezza”, che bello o brutto che sia (vi sono tante scuole di pensiero), ha fatto in modo che non solo il film fosse premiato, ma l’azienda cinema italiana, gli attori, gli sceneggiatori, i tecnici, le maestranze, che hanno fatto in modo che questo film possa essere stato presentato nell’olimpo degli oscar. Però quanta delusione nel non vedere sfilare sul più famoso red carpet mondiale la nostra attrice Sabrina Ferilli, che sicuramente avrebbe indossato un abito di uno stilista italiano, ed ancor più non avrebbe sfilato solo l’attrice, ma un equipe di persone che per confezionare quell’abito avrebbero messo tutta la loro professionalità, il loro amore, affinchè il Made in Italy potesse trionfare sul tappeto più ambito del mondo. Una mancata occasione per lo stile italiano, però un’attrice come Angelina Jolie indossava un Armani, e sicuramente anche altre attrici avranno avuto abiti italiani Prada, Versace, però per l’Italia la Ferilli era la Ferilli, che poi sfilava anche da vittoriosa per essere stata una delle protagoniste di questo film pluripremiato.
Cosa fa l’Italia per salvaguardare il Made in Italy? Da più parti si sta cercando di trovare sistemi per la sua tutela, per non essere scambiato con prodotti a basso costo che portano artatamente etichette italiane, ma prodotti italiani non sono, e questo fa si che i nostri prodotti autentici ed originali possano essere scambiati con altri di cattiva qualità, tutto a dispetto dell’operosità e della professionalità italiana. I falsi vanno dai generi di pelletteria, all’enogastronomia, dagli abiti ai prodotti cosmetici. Tutto ciò che è italiano è da copiare, perchè tra essi è molto difficile trovare un articolo brutto, non degno da mettere in piedi una catena per poterlo falsificare. Si chiede a viva voce alla Comunità Europea di poter ottenere e promulgare delle leggi ad hoc per la salvaguardia dei propri prodotti, ma proprio dalla Comunità europea che vengono emanate leggi che soffocano i mercati italiani ed europei con prodotti di altri paesi al di fuori dell’Europa. e questo è ancora più a discapito dell’Italia che vuole mantenere i mercati esteri proprio con la qualità. Ma la qualità italiana ad opera dei nostri bravi artigiani e/o stilisti è salvaguardata da novelli mecenate che portano in giro per il mondo il passato e l’attualità del nostro made in Italy. Una di questi è la giornalista di moda ed esperta del costume, Mara Parmegiani, una delle più importanti collezioniste di abiti d’epoca e vintage che si possa avere in Italia. Le sue collezioni variano dagli abiti da donna a quelli per bambini, sono stati protagonisti di varie mostre allestite a Roma presso il Vittoriano, i Musei Capitolini, Castel S. Angelo, la Centrale Montemartini, luoghi che hanno visto crinoline, velette, abitini da Battesimo regali, sontuosi abiti da ballo e da cerimonia, abiti nuziali; ma non solo, alcuni di questi hanno varcato i confini nazionali e sono stati protagonisti di mostre internazionali allestite in varie città mondiali: Mosca, San Pietroburgo, Bombai, Bangalore, Brasilia, prima che molti di loro finissero miseramente inghiottiti nello scafo della Nave Concordia, naufragata all’Isola del Giglio lo scorso 13 gennaio 2012. Ed il nostro Made in Italy, anche se riferito ad epoche passate ha riscosso il meritato successo, perchè non più moda ma cultura da esportare, per approfondire le conoscenze, le tecniche e la bravura dei nostri stilisti che hanno inventato il Made in Italy, come non ricordare, Capucci, Maria Antonelli, Germana Maruccelli, Biki, Schubert, la Principessa Galitzine, le Sorelle Fontana, Fernanda Gattinoni, e tanti altri che hanno facevano a gara con gli stilisti d’oltralpe a creare l’abito più bello, il più prezioso. Da non dimenticare le attrici di Hollywood che saccheggiavano i loro gli armadi per portare in America le ultime creazioni. Anni belli e preziosi, tutti tesi con l’obiettivo di un futuro migliore, era passata da poco la guerra, e la voglia di dimenticare e di emergere ha fatto in modo che la moda italiana fosse all’avanguardia ed invidiata da tutti. E quegli anni ritornano, attraverso le mostre, per ricordare e per insegnare ai giovani che aspirano ad una carriera nel mondo della moda, quanto professionali e ricche erano le collezioni, fatte interamente tutte a mano, dai ricami alle cuciture, perchè è questo il Made in Italy, il fatto a mano. Ma per aziende di ieri, aziende di oggi si affacciano sui mercati: certo i tessuti prima erano disegnati a mano, ora c’è il computer, sempre però attraverso la mano dell’uomo, nuove tecnologie e nuovi tessuti, nuove idee, per spaziare verso nuovi orizzonti, se prima era l’America il mercato più ambito, ora sono i Paesi Arabi dove si è trasferita la ricchezza e l’opulenza, dove non si bada a spese, purchè sia italiano, ma il campo è vasto e gli stilisti sono tanti, e molti anche molto bravi, prima era un mondo di pochi, ora è di molti, con la speranza che ci sia spazio e mercati per tutti. Ed ecco allora l’interscambio culturale , come quello che prossimamente si svolgerà a Malta presso l’Istituto di cultura italiano, dove si svolgerà la manifestazione di moda Made in MaltItaly, organizzata da Ferramoda, dove uno stilista italiano, Nino Lettieri di AltaRoma Altamoda, porterà la sua moda ispirata alla sua terra d’origine, la Campania, e si metterà a confronto con una stilista maltese Mary Grace Pisani della Maison Fersani. Due modi di vedere la moda, ma un unico fine: un linguaggio universale per unire due nazioni, così vicine, ma anche lontane perchè separate dal mare. E come sempre sarà un successo!!!

Fonte: online-news.it

  Versione Stampa   Invia  
Centri storici italiani
Notizia del 11/09/2019

Questo è quello che dovrebbe avvenire nei centri storici italianiavremo mai La fortuna di trovare qualche politico lungimirante che sposa il rilancio ristrutturazione dei centri storici italiani.Che la fortuna ci assista" ...

 

Proposte dell'Istituto Tutela Produttori Italiani ,Rif: Incontro al Viminale del 15 Luglio 2019
Notizia del 25/07/2019

Egregio Ministro Salvini, come sollecitato nella riunione al Viminale del 15/07/2019 ci apprestiamo ad inoltrarLe le 5 proposte dell’Istituto. Gli obiettivi delle proposte sono: Determinare un rafforzamento della tutela del Made in Italy. Il rilancio delle economie locali con la ristrutturazione dei centri storici e con una diversa visibilità dei distretti produttivi. L’ammodernamento e una diversa e più efficiente funzionalità dei mezzi di trasferimento d...

 

Elaborato Centro Studi sulla detassazione, decontribuzione e sburocratizzazione in Riferimento alla Convocazione delle parti sociali
Notizia del 25/07/2019

Elaborato Centro Studi sulla detassazione, decontribuzione e sburocratizzazione in Riferimento alla Convocazione delle parti sociali ...

 

Conferenza Nazionale Made in Italy 2019 - Comunicato Stampa
Notizia del 20/06/2019

COMUNICATO STAMPA   Martedì 25 Giugno 2019 alle Ore 10:00 presso la Sala del refettorio, Palazzo San Macuto Roma si terrà la III° ed. Conferenza Nazionale Made in Italy anno 2019.Nella scorsa edizione, tenutasi presso la Biblioteca della Camera dei deputati, sono risultati presenti numerosi parlamentari, stampa nazionale e alcuni rappresentanti di associazioni. Particolarmente importanti la argomentazioni. Dopo il saluto dell’Imprenditore Consigliere Anziano dell’Istituto Graziano Paccapelo sono state illustrate le relazioni da pa...

 

Check-up aziendali per progetti all'esportazione
Notizia del 19/04/2019

      Check-up aziendali per progetti all'esportazione           L'iniziativa                     Il check-up viene realizzato gratuitamente da Promindustria, perché è eventualmente interessato a porre in essere l’attività di affiancamento all’esportazio...

 

Intervento del Dott. Nazzareno Vita alla II Commissione Giustizia nell’ambito dell’esame della proposta di legge recante disposizioni in materia di contrasto della contraffazione e del contrabbando, nonché delega per l'adozione di un testo unico in materia di tutela dei prodotti nazionali e l'istituzione del marchio «100% Made in Italy».
Notizia del 09/04/2019

Sessione della II Commissione Giustizia svolge l’audizione di Mario Libertini, professore emerito di diritto commerciale presso l’Università “La Sapienza” di Roma, e Nazzareno Vita, direttore generale dell’Istituto Tutela Produttori Italiani nell’ambito dell’esame della proposta di legge recante disposizioni in materia di contrasto della contraffazione e del contrabbando, nonché delega per l'adozione di un testo unico in materia di tutela dei prodotti nazionali e l'istituzione del marchio «100% Made in Italy».   ...

 

TRE PROPOSTE DELL’ ISTITUTO PRESENTATE AL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO NELL'AMBITO DEL TAVOLO CONSULTAZIONE PMI
Notizia del 04/04/2019

TRE PROPOSTE DELL’ ISTITUTO   TUTELA SISTEMA PRODUTTIVO ITALIANO RILANCIO DEL SISTEMA PRODUTTIVO ATTRAVERSO LA RINASCITA DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI NEI CENTRI STORICI TRA OUTLET, PRODOTTI ESCLUSIVI TRADIZIONALI TIPICI, OSPITALITÀ ED HOTEL DIFFUSO TUTELA DEL CONSUMATORE ...

 

Contrasto alla contraffazione e tutela del Made in Italy nell’era digitale
Notizia del 02/04/2019

Contrasto alla contraffazione e tutela del Made in Italy nell’era digitale  Nuova Aula Palazzo dei Gruppi Parlamentari | Via di Campo Marzio 78, Roma Interventi: On. PAXIA Maria Laura - X Commissione Permanente Camera dei Deputati (Attività Produttive, turismo e commercio), Vigilanza Rai, sottocommissione per l'accesso dei servizi radiotelevisivi e prima firmataria della legge sulla contraffazione e il made in italy presso la Camera dei Deputati; DI NATALE Gianfranco - Direttore Generale Confindustria Moda; LUONGO Roberto - Direttore Generale ICE; MI...

 

Made in Italy, confagricoltura: effetti gravi dall’embargo russo
Notizia del 05/03/2019

“Le conseguenze economiche dell’embargo della Russia sulle importazioni di prodotti agricoli e dell’industria alimentare sono molto pesanti per l’Italia. Dall’entrata in vigore del divieto di importazione di molti prodotti agricoli e dell’industria alimentare, il valore annuo delle esportazioni italiane (confronto 2018 su 2013) risulta ridotto di 153 milioni di euro (-22%), dopo aver raggiunto nel 2015 la punta di 324 milioni di euro”. Lo rileva il Centro studi di Confagricoltura nel Rapporto:” Conseguenze economiche dell’emb...

 

Distretti made in Italy, Chanel punta sui leader
Notizia del 26/02/2019

Didier Bonnin Castellarin, alla guida della filiera calzature del gruppo francese, racconta la strategia di integrazione dei fornitori. Obiettivo: il patrimonio artigianale. Dare continuità a un savoir-faire che è da sempre al servizio della creatività. È questo l’obiettivo su cui Chanel investe dal 1985, anno in cui ha avviato acquisizioni che guardano al patrimonio artigianale di realtà d’eccellenza. In questo modo la maison dalla doppia C si assicura buone capacità produttive, rafforzando le sue relazioni su diversi territori. In Italia...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info