MadeinItaly.org\Osservatorio -
2024-06-06

Lo Spettro Oscuro della Moda Veloce: Lo Sfruttamento dei Bambini nei Centri di Produzione di Vestiti in Bangladesh

 


Il Bangladesh è rinomato come il secondo produttore mondiale di abbigliamento, e la sua capitale, Dacca, è il motore trainante di un fenomeno che ha conquistato il mondo: il Fast Fashion. Ma dietro i colorati vetrini delle boutique e l'incessante flusso di capi di abbigliamento a basso costo si nasconde una realtà crudele e spietata.

 

In un viaggio intrapreso nelle viscere delle fabbriche di abbigliamento di questo paese asiatico, ci siamo trovati di fronte a una verità sconvolgente: il lavoro minorile è un elemento cruciale della macchina produttiva del fast fashion. Milioni di bambini, anziché giocare o frequentare la scuola, trascorrono le loro giornate in ambienti fatiscenti e pericolosi, sfruttati per produrre i vestiti che indossiamo ogni giorno.

La domanda sorge spontanea: come possono essere così economici questi capi di abbigliamento? La risposta è amara e difficile da digerire. Dietro il prezzo apparentemente conveniente, c'è un costo umano enorme. I bambini che lavorano nelle fabbriche di abbigliamento del Bangladesh guadagnano solo pochi euro al giorno, a scapito della loro infanzia, della loro istruzione, dei loro sogni e del loro diritto fondamentale alla felicità.

Questi bambini, invisibili alla maggior parte dei consumatori, sono i veri eroi silenziosi del fast fashion. Sono loro che cuciscono, tagliano e assemblano i capi di abbigliamento che poi sfoggiamo con disinvoltura. Sono loro che pagano il prezzo più alto affinché possiamo seguire le ultime tendenze di moda senza fare troppo male al portafoglio.

Ma questo non è solo un problema del Bangladesh. È un problema globale. Le grandi aziende di moda, alla ricerca di margini di profitto sempre più ampi, si affidano a una catena di approvvigionamento che troppo spesso si basa sullo sfruttamento dei più deboli e indifesi.

Lasciar correre queste ingiustizie sotto il tappeto non è più un'opzione accettabile. È imperativo che i consumatori si informino sulle condizioni di produzione dei capi di abbigliamento che acquistano e si uniscano alla lotta per porre fine allo sfruttamento dei bambini nei centri di produzione di vestiti in tutto il mondo.

È giunto il momento di chiedere responsabilità alle grandi aziende di moda, di esigere trasparenza nella catena di approvvigionamento e di garantire che ogni bambino abbia accesso a un'infanzia dignitosa e a un'istruzione di qualità.

Solo quando metteremo fine a questo spettro oscuro della moda veloce potremo veramente affermare di indossare i nostri abiti con orgoglio e consapevolezza, sapendo che non sono macchiati dal sudore e dalle lacrime dei bambini sfruttati.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
E la storia continua...
2015-06-03
Image
Moda: rilancio made in Italy in nove punti
2015-01-01
Image
ALLEANZE E CONCEPT STORE NEL FUTURO DELLE IMPRESE
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.