OSSERVATORIO MADE IN

Giovedì, 6 Agosto, 2020

Fornitore di pere strozzato da ribassi: Antitrust multa Coop

Notizia del 28/01/2016

«La Coop sei tu». Tu consumatore, lavoratore, socio, che con il tuo prestito sociale aiuti la cooperativa a sostenersi e a crescere, garantendo buone condizioni di lavoro e un prodotto migliore, nel rispetto dell’ambiente e del territorio. Coop Adriatica nel suo codice etico elenca i valori di riferimento: libertà, democrazia, giustizia sociale e solidarietà. C’è una particolare attenzione ai fornitori: «In fase di definizione dei contratti Coop Adriatica e i suoi fornitori forniscono tutte le informazioni che mettano entrambi i soggetti nelle condizioni di eseguire correttamente gli impegni assunti evitando ogni fraintendimento». Ovvero: meglio non «fraintendere» chi è il più forte, e regolarsi di conseguenza.

Coop non sceglie a caso i suoi fornitori, e Fortunato Peron di Cesena, che con la sua Celox ha fornito pere a Coop Italia per quasi 20 anni, non l’ha presa bene quando gli è arrivata la lettera con scritto tanti saluti e arrivederci. «Coop fa presto a dire che si rivolge ai piccoli produttori locali... per vendere a marchio Coop devi rispettare centinaia di pagine di capitolato che prevedono l’imballaggio che vuole Coop, controlli sui trattamenti fatti in campagna, quelli di qualità sui magazzini, sul processo di trasformazione e conservazione. Occorrono celle frigorifere, centro di imballaggio, tracciabilità. Come può il piccolo produttore di pere, mele o pesche, andare direttamente a consegnare rispettando questi requisiti, tempi e quantità? Devono per forza rivolgersi a una struttura intermedia».

La Celox di Peron aveva organizzato la sua attività in base alla richiesta della grande distribuzione. Cosa è andato storto? Da quel che emerge dalla sentenza dell’Antitrust le cose dal 2008 sono andate così, il fornitore riceve una lettera: «Per questo fine settimana Coop Adriatica ha previsto le pere sfuse Williams in promozione. La presente per proporvi l’applicazione di uno sconto del 10% sulle consegne del 7,8, 9 Novembre. Salvo vostra comunicazione contraria riterremo accettate le condizioni proposte. Ne seguono altre nel corso di ogni anno: 30% sulle pere Abate Coop dal... al... ; del 20% sulle Kaiser Coop dal... al...».
Nel novembre 2012 la Celox protesta e chiede di «ridurre la scontistica poiché la situazione in cui stiamo operando è insostenibile». Dall’indagine dell’Antitrust emerge che a sentirsi strozzati da questa pratica sono una lunga lista di altri fornitori. Sono cose che capitano nel commercio, quello che perdi sulle pere, lo recuperi con le mele.

Per la Celox non è così, perché è una specialista di prodotto, se gli va male su quello, chiude; solo nel 2012 il fatturato riferibile a Coop infatti è stato del 72% del totale, tant’è che Coop Adriatica nel 2014 definisce la Celox «Coop dipendente». Dai documenti raccolti dall’Autorità presso la sede di Coop Italia emerge che «Celox ci garantisce continuità... è il fornitore che lavora con maggior cura il prodotto... è in grado di praticare prezzi in linea con quelli degli altri fornitori». Quindi anche il colosso della distribuzione sembra soddisfatto, ma sei mesi dopo parte la disdetta del contratto di fornitura a conclusione della campagna 2014/2015.
A quel punto Celox è costretta a chiudere l’intera filiera e a cessare l’attività, perché i rigidi disciplinari sui quali era costruita non potevano essere replicati presso società diverse concorrenti di Coop, se non nel lungo periodo. Gli sconti applicati dal 2008 al 2014, e non previsti, ammontano a oltre 600.000 euro. Celox si rivolge all’Antitrust e contesta a Coop Italia e Centrale Adriatica l’abuso di posizione dominante e la violazione dell’art 62, ovvero il divieto (in vigore dal 2012) di imporre condizioni gravose, extracontrattuali e retroattive.

A fine dicembre l’Autorità garante chiude l’istruttoria: «...gli sconti, ingiustificatamente gravosi, non appaiono l’esito di una trattativa, ma risultano imposti da Coop Italia al proprio fornitore, indotto ad accettare nel timore di compromettere il proprio consolidato rapporto con il cliente, con conseguente perdita di tutto il proprio investimento. Negli anni 2012, 2013, 2014 si evidenziano sconti incondizionati» in fattura e fuori fattura, e contributo per le attività di comarketing... che andavano a sommarsi a quelli contrattuali, sottoscritti dal fornitore a inizio anno, costringendo di fatto Celox a riconoscere al proprio cliente, nel corso della stagione di fornitura, ribassi, non preventivati né preventivabili, che complessivamente arrivavano attorno al 35% del prezzo di listino...». L’Autorità conclude scrivendo che c’è stata violazione dell’art 62 e condanna Coop Italia e Centrale Adriatica ad una sanzione complessiva di 49.000 euro.
Naturalmente Coop ha annunciato ricorso al Tar, e considera il provvedimento illegittimo perché lede i principi della libera concorrenza e potrebbe generare contraccolpi negativi. Vista l’entità della sanzione può dormire sonni tranquilli! Per ora il contraccolpo l’ha preso un fornitore che fatturava mediamente 5 milioni di euro, rispettava il capitolato, aveva 25 dipendenti, ed è saltato per aria. La Coop sei tu.. .

[fonte: corriere.it]

  Versione Stampa   Invia  
22.12.2016 - Apertura My Italy - Primo Fashion Store Promo Testing
19.12.2016 - Ligabue - Made in Italy
24.11.2016 - STOP AL FALSO MADE IN ITALY - Petizione 14 Dicembre - Made in Italy Day
15.11.2016 - Londra: divieto di accesso nel cuore della città alle grandi catene
03.11.2016 - Valente, una sfida vinta «Il made in Italy garantito dalle nuove etichette»
31.10.2016 - Workshop Rungis, Francia - COMUNICATO
26.10.2016 - COMUNICATO STAMPA - Missione Accreditamento Tokyo 2016
21.10.2016 - COMUNICATO STAMPA - Missione Accreditamento Dubai 2016
12.10.2016 - Lo scandalo del Finto Biologico scoperta dai giornalisti di Report
22.09.2016 - ASPETTIAMO ANCORA ? - Le sanzioni alla Russia? Giovano solo alle Imprese Usa
25.08.2016 - Il made in Italy all´estero è sfregiato - Allarme Coldiretti
27.07.2016 - White rinnova il patto con Ice a favore della creatività made in South Italy
06.07.2016 - La Pasta non Fà ingrassare, chi la mangia resta in forma - Studio italiano assolve la pasta
21.06.2016 - JEANS ETICO Quanto costa un paio di jeans prodotto senza far male a nessuno
30.05.2016 - CINA > Nell'industria del Cuoio paghe da fame, sicurezza a rischio, scioperi represssi.
12.05.2016 - Markets Specialist Master & Job - Lo Specialista dei Mercati per le aziende
05.05.2016 - La Francia chiude al Ttip
28.04.2016 - Made in Italy: in Unione Europea ci sono Formaggi senza latte e Vino senza Uva
27.04.2016 - ACCREDITAMENTO MISSIONE PRODUTTORI ITALIANI IN FRANCIA (RUNGIS) - AGROALIMENTARE
26.04.2016 - L'Abruzzo esporta negli Usa più computer che pasta
22.04.2016 - PRODUTTORI ITALIANI IN COREA DEL SUD
18.04.2016 - No UE all'etichetta Semaforo per l'Agroalimentare - Vittoria del Made in Italy
13.04.2016 - E GLI ITALIANI DICONO STOP ALL'ACQUISTO DEL LATTE PARMALAT
11.04.2016 - Focus Made in Italy > Hermès nel nuovo impianto di Héricourt il focus è sulla Kelly
07.04.2016 - Prosciutto Parma, Parmigiano, Grana vittime dell' etichetta semaforo nei supermarket Gb
06.04.2016 - Pomodori italiani, il made in Italy è a rischio: ecco cosa sta accadendo.
05.04.2016 - Export: inizio dell'anno in salita per il Made in Italy
04.04.2016 - Doveroso tutelare di più il Made In Italy
16.03.2016 - Gli imprenditori mecenati salvano il Paese dalle rovine
14.03.2016 - L
09.03.2016 - 90 secondi per sostenere l'esportazione del vero cibo italiano
04.03.2016 - Made in Italy, nasce il marchio per distinguere l
03.03.2016 - Il Veneto riavvia la filiera della seta 100% Made in Italy
02.03.2016 - Pasta con grano di importazione è sicura? Coldiretti contro aziende che lo usano
01.03.2016 - Iran e Argentina grandi opportunità per il Made in Italy - La notizia
10.02.2016 - Dal latte al grano, la sfida del Made in Italy Proteste di allevatori e agricoltori lungo tutta la penisola contro l
01.02.2016 - Una scarpa non può riportare la dicitura «made in Italy» se la cucitura della stessa si svolge all
28.01.2016 - Fornitore di pere strozzato da ribassi: Antitrust multa Coop
26.01.2016 - Ue ci impone l'olio tunisino: lo schiaffo ai nostri agricoltori Via libera a 35mila tonnellate di olio d'oliva tunisino a dazio zero.
25.01.2016 - Made in Italy, approvato in commissione la nuova proposta di legge
22.01.2016 - CONTRIBUTI AGEVOLATI ALL'ESPORTAZIONE
19.01.2016 - Premio
12.01.2016 - Serracchiani inaugura Contract made in Italy a Teheran
11.01.2016 - Il malfunzionamento della Pubblica Amministrazione peggio dell'evasione fiscale
05.01.2016 - Fallimento: La nuova legge ne cancella persino la parola, verrà sostituita dal termine liquidazione giudiziale
04.01.2016 - Il futuro non è nell
Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info