OSSERVATORIO MADE IN

Lunedì, 30 Novembre, 2020

Il made in Italy delle Pmi seduce e dall

Notizia del 01/07/2015

NEL 2014 I FINANZIAMENTI STRANIERI NEL PAESE SONO CRESCIUTI DEL 31 PER CENTO PERMETTENDO ALL’ITALIA DI RISALIRE AL 12° POSTO TUTTO MERITO DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E DEL LORO KNOW HOW Giovanni Marabelli Milano L’ Italia sta iniziando a recuperare il proprio appeal tra gli investitori internazionali. Benché l’inversione di tendenza registrata negli ultimi mesi sia ancora nella fase iniziale, e i livelli pre—crisi decisamente lontani, le premesse per attirare flussi d’investimento dall’estero, realizzare progetti, creare occupazione si stanno definendo.

Lo dimostra il combinato disposto di alcune ricerche sfornate di recente da primari centri di analisi economica: dal “The fDi Report” (prodotto da “ fDi Intelligence”, la divisione del “Financial Times” dedicata agli investimenti internazionali) al “The Fdi Confidence Index” della società di consulenza A.T.Kearney, passando per “Italia multinazionale” dell’Ice, l’agenzia governativa per l’internazionalizzazione. Nel 2014, secondo l’annuale rapporto della “fDi Intelligence”, gli investimenti internazionali mirati a iniziative “ex novo” (i cosiddetti “greenfield”, quelli a maggior valore aggiunto per il sistema Paese) sono rallentati bruscamente, segnando un risicato +1 per cento, dopo la precedente crescita a due cifre.

L’Europa, nella quale l’indagine include anche Russia e Turchia, è andata addirittura in rosso, con un calo del 6 per cento tanto in valore di capitali investiti quanto in numero di progetti avviati. Una tendenza che, fortunatamente, non accomuna l’Italia al resto del continente. Nel nostro Paese sono affluiti dall’estero circa 5 miliardi di dollari per avviare 101 progetti, il 31 per cento in più del 2013, contro un calo medio continentale del 17 per cento. Quanto agli altri principali Paesi della Ue, 909 sono i progetti finanziati da investitori esteri nel Regno Unito (con 35 miliardi di dollari di capitali investiti), 378 in Germania (7 mdl), 252 in Spagna (9 mld), 237 in Francia (6 mld).

I tradizionali concorrenti dell’Italia, quindi, rimangono lontani ma il dato positivo (benché distante anni luce dagli oltre 250 progetti “greenfield” da fondi esteri del 2008) relativo a investimenti per finanziare nuove iniziative è molto significativo e testimonia della “luna di miele” in corso tra Italia e investitori internazionali.

A suffragare questa tesi arrivano i numeri di “Italia Multinazionale”, secondo cui la grande fuga è finita e dal 2013 il nostro Paese sta tornando gradualmente sui radar degli investitori esteri, con una progressione degli investimenti provenienti da oltre confine del 9 per cento (dopo un declino nell’anno precedente pari al 22 per cento) e la previsione di “una forte accelerazione” nei prossimi anni. Tale da ridurre l’attuale, consistente, differenza nel rapporto investimenti diretti esteri/prodotto interno lordo che in Italia viaggia intorno alla metà della media europea.

E anche il gap tra investimenti italiani in uscita e in entrata. Secondo dati Ice—Politecnico di Milano, lo stock di investimenti diretti in uscita dal nostro Paese è pari al 28,9 per cento del Pil, quello in entrata al 19,5 per cento. Con 1,5 milioni di dipendenti di società estere che fanno capo a gruppi italiani contro 915mila che lavorano in Italia in partecipate straniere. E 587 mld di fatturato a fronte di 497. L’ottimismo appare non infondato. Lo “certifica” la 15esima edizione, datata 2015, del “Fdi Confidence Index”, che misura il grado di attrazione esercitata da un Paese sulla comunità degli investitori e dei decision maker internazionali e redige una classifica dei primi 25 Stati al mondo per attrattività economica. Nell’ultimo anno l’Italia ha bruciato le tappe, passando dal 20esimo al 12esimo posto.

Appena due anni fa, nel 2013, non rientrava nemmeno tra le eccellenze della graduatoria, un’esclusione che durava senza soluzione di continuità dal 2007. La classifica è guidata dagli Usa, seguiti da Cina e Regno Unito (che nel 2013 era solo ottavo) e poi, nell’ordine, Canada, Germania, Brasile, Giappone, Francia, Messico, Australia, India e, appunto, Italia. I Paesi europei negli ultimi due anni hanno generalmente migliorato di molto la loro posizione: il livello di interesse per il Vecchio Continente, spiegano gli analisti di A.T.Kearney, è senza precedenti da molti anni a questa parte e la loro quota nell’Indice è aumentata dal 40 al 60 per cento negli ultimi 12 mesi.

La stabilità politico—economica, in un periodo dominato in maniera crescente da incertezza e volatilità, rappresenta il traino principale di questo rinnovato interesse ma anche la politica espansiva della Banca centrale europea sta svolgendo un ruolo molto significativo. La concorrenza, insomma, si fa sempre più spietata anche in Europa. E sarebbe necessario che l’intero sistema Paese, senza differenze tra pubblico e privato, scendesse in campo per evidenziare i tanti punti di forza dell’Italia. Una strategia già avviata dall’Aifi (Associazione italiana dei fondi di private equity, venture capital e private debt) che da Londra ha cominciato una sorta di tour per sensibilizzare ulteriormente gli investitori stranieri. I dati del 2014, infatti, dimostrano che anche su questo fronte lo scorso anno ha rappresentato il giro di boa.

Da una indagine condotta da PwC per Aifi risulta che nel 2014 i fondi di private equity hanno complessivamente investito nel sistema economico italiano 3,53 mld di euro, contro i 3,43 mld del 2014. Ma a fare la differenza sono proprio le risorse arrivate dai fondi internazionali: 1,9 mld, in aumento del 39 per cento rispetto agli 1,37 mld del 2013, vale a dire il 53,8 per cento del totale contro il 40 per cento dell’anno scorso. E la novità è rappresentata dall’interesse che, i casi di cronaca sono numerosi, la platea degli investitori internazionali sta dedicando a una delle specificità vincenti del made in Italy: le micro, piccole e medie imprese.

Un coinvolgimento delle Mpmi nel processo di internazionalizzazione del sistema Paese sottolineato anche in “Italia multinazionale” Lo slogan “Piccolo è bello” sembra tornare di moda. Sono proprio le Pmi simbolo del “made in Italy” le più corteggiate dai fondi di investimento stranieri che sono tornati a puntare i radar sul Paese

  Versione Stampa   Invia  
17.12.2015 - IRAN Evento manifestazione a Teheran Aprile 2016
07.12.2015 - Un bando per le scuole per promuovere il Made in Italy
01.12.2015 - Made in Italy a caccia dei precari di talento (flessibili e poliglotti)
01.12.2015 - Altagamma a Montecitorio: «Alleanza pubblico-privato per far volare i consumi di lusso italiano nel mondo»
27.11.2015 - La rabbia dei clienti: "Banca Etruria salvata con i nostri risparmi"
20.11.2015 - Falso Made in Italy sui capi di lana, frode fiscale da 15 milioni di euro
18.11.2015 - E poi sono veramente i Cinesi ?... o sono italiani furbetti che sfruttano il basso costo della manodopera per importare i prodotti ed etichettarli "Made in Italy" ?
16.11.2015 - Olio d´oliva, la proposta Ue che affossa il Made in Italy: 70mila tonnellate dalla Tunisia senza dazi doganali
11.11.2015 - Torino, frode sull´olio d´oliva spacciato per extravergine: indagati 7 grandi marchi
10.11.2015 - La battaglia del latte: anche dalla Maremma in piazza contro il falso Made in Italy
03.11.2015 - Tasse, affari e vacanze: come si vive senza euro
02.11.2015 - Olio Made in Italy solo sulla carta l´antifrode ipotizza il cartello, Parlamento secreta il dossier, E il ministero tace
29.10.2015 - Un´altro Made in Italy, l´i-Tale e´ una macchina da export da 90 miliardi
29.10.2015 - 2016 Anno del Made in Italy - Il governo italiano, concentreremo tante risorse su una operazione strategica di informazione
15.10.2015 - Quello che le etichette non dicono - Delocalizzazione e Made in Italy
12.10.2015 - Nasce Botteghe Digitali, il reality dedicato al Made in Italy
12.10.2015 - Def risoluzione De Pin: tutelare Made in Italy e fermare delocalizzazione Aziende
09.10.2015 - Non mollare mai: gli auguri dei dipendenti Esselunga a Caprotti
07.10.2015 - LA FABBRICA DELLO SFRUTTAMENTO The Sweatshop
07.10.2015 - Pomodori cinesi MADE IN ITALY da noi no ma in Africa
06.10.2015 - La multinazionale Unilever, proprietaria di Algida, compra i gelati Grom
05.10.2015 - A Bruxelles in difesa del Made in Italy agroalimentare
02.10.2015 - Google premia i sei borghi gioiello del Made in Italy
02.10.2015 - COMPRARE CASA AD 1 SOLO EURO SI PUO
29.09.2015 - E ora che la guardia di finanza e la dogana applichi la legge 166 del 2009 e madein
25.09.2015 - STOP al Made in Italy clandestino Presidio di Agricoltori Padovani al Brennero
25.09.2015 - Banca Popolare Vicenza: Correntisti sospettano di essere stati rapinati dalla loro stessa banca
21.09.2015 - Il paese salvato dagli artigiani volontari delle antiche botteghe
31.08.2015 - Cina, Hangzhou: 1° Parco Eccellenze 100% Made in Italy
31.08.2015 - Concia e Made in Italy, una legge contro la contraffazione
05.08.2015 - Il fardello dimensionale che penalizza il Made in Italy
31.07.2015 - Obuv.it arriva alla sua XX-a edizione
15.07.2015 - Una speranza per l'export italiano: così si aggira l'embargo russo
15.07.2015 - Made in Italy, un patrimonio sottovalutato
13.07.2015 - Incontro tra produttori italiani e la distribuzione giapponese
10.07.2015 - Renzo Rosso: «Giovani, credete in voi stessi ed esprimete personalità»
10.07.2015 - Lorenzin: "Lotta alle frodi alimentari tutela salute e 'made in Italy'"
10.07.2015 - Olio comprato a 3
01.07.2015 - Il made in Italy delle Pmi seduce e dall
01.07.2015 - Per la mozzarella di bufala campana dop nel 2014 record di produzione
01.07.2015 - Formaggio senza latte fresco? Made in Italy a rischio Martina risponde all'Ue
01.07.2015 - Il futuro della creatività passa dal crowd funding Made in Italy
30.06.2015 - Cresce la voglia del Made in Italy, le ricerche Google segnano un +22% negli ultimi 3 anni
25.06.2015 - Muore suicida Egidio Maschio Colpo di fucile al petto in sala riunioni
23.06.2015 - Italia di gusto prende gli stranieri per la gola
17.06.2015 - Shopping mondiale del lusso: l'80% compra se è Made in Italy
12.06.2015 - TTIP solo con il riconoscimento del Made in Italy
05.06.2015 - I risultati dell'embargo alla Russia al tempo dell'Expo
03.06.2015 - E la storia continua...
27.05.2015 - Dazi in Cina: tagli del 50% su abbigliamento e calzature. Esclusi borse, orologi e gioielli
26.05.2015 - Obbligatorietà del "MADE IN" in Europa
19.05.2015 - Expo, i souvenir dell
19.05.2015 - Il made in Italy vola fuori dalla Ue: export +9,2% annuo, il surplus di marzo a 4 miliardi
14.05.2015 - I PRODUTTORI ED I DISTRIBUTORI DEVONO ESSERE CHIARI E TRASPARENTI NELL'IMMISSIONE DI PRODOTTI SUL MERCATO PENA SALATE MULTE DA PARTE DELLA CAMERA DI COMMERCIO
14.05.2015 - Fate la rivoluzione con il carrello della spesa
13.05.2015 - Made in Italy: gli 8 marchi più importanti al mondo
13.05.2015 - Continua la svendita delle Aziende italiane all'estero
13.05.2015 - Il grande imbroglio nell'etichetta della carne
08.05.2015 - Dal Made in europeo escono design e gioielli
07.05.2015 - Qual'è lo standard per un prodotto per essere chiamato Made in USA senza riserve?
05.05.2015 - ENTRA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2017 LA NUOVA LEGGE DI PROTEZIONE DEL MADE IN SWITZERLAND
29.04.2015 - Scienziati russi stanno costruendo la "Torre di Tesla". Ecco cosa ci aspetta
27.04.2015 - Quando lo Stato è un parassita illiberale
24.04.2015 - Progetto Giappone
13.04.2015 - M5S contro McDonald's, stop a Expo dopo spot che offende pizza
26.03.2015 - L'export traina i distretti: pelletteria e calzature fiorentini in pole position
24.03.2015 - Made in Italy: pressione fiscale al 90%. Irpef sul reddito? Un'anomalia
24.03.2015 - Fondo Garanzia PMI: circolare MCC 663-2014, nuove disposizioni operative
24.03.2015 - Renzi si allea con Pechino e Roma cofonderà l
17.03.2015 - Presa Diretta: i gamberi che arrivano sulle nostre tavole sono di scarsa qualità e distruggono il Pianeta
10.03.2015 - Prospettive per l'Italia
09.03.2015 - La contraffazione alimentare e il Made in Italy - cosa c'è di vero in quel sacchetto!?
06.03.2015 - Produttori italiani ad Agorà - Rai 3
05.03.2015 - FILDA, Fiera Internazionale di Luanda (Angola) 21-26 Luglio 2015
05.03.2015 - Italian sounding
26.02.2015 - Rilancio e tutela delle Economie locali
26.02.2015 - Obuv.it
24.02.2015 - La finta patatina in busta...
23.02.2015 - A scuola di cibo Made in Italy
20.02.2015 - Germania - Matchmaking settore Agroalimentare
20.02.2015 - Divise militari made in China Truffa da milioni, in 12 a giudizio
20.02.2015 - Odezhda.it ITALIAN GLAMOUR & CHIC IN THE WORLD
18.02.2015 - Rilancio dell'Italia - Perugia
17.02.2015 - NO sanzioni alla Russia
16.02.2015 - Serracchiani visita la Roncadin: Il Made in Italy va difeso
12.02.2015 - Tomaie cucite all'estero, Made in Italy vietato
10.02.2015 - Made in Italy, arriva un "aiutino" da 261 milioni
06.02.2015 - Il Made in Italy made in 5 STELLE!
03.02.2015 - Chi certifica il 100% Made in Italy - TG3R
21.01.2015 - Rinasce in Veneto la via della seta
14.01.2015 - Vibac: l'azienda che scompare in Italia per riapparire in Serbia
03.01.2015 - Made in Italy dimenticato
03.01.2015 - Moda e tessile Made in Italy Il piano per tornare a correre
Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info