OSSERVATORIO MADE IN

Martedì, 30 Maggio, 2017

Ecco il primo whisky tutto italiano. E' un triplo malto e viene dalla Val Venosta

Notizia del 13/03/2017

Intenditori di whisky e marinai sanno benissimo, per superstizione o credenza, che la forma dell’alambicco di una distilleria non va mai cambiata, al pari del nome di una barca. E così vale anche per le condizioni di umidità della cantina: non bisogna far arrabbiare gli Angeli cui è dovuta la cosiddetta Angels’share, la porzione di whisky ceduta naturalmente, per evaporazione, dalle botti di invecchiamento. Queste e altre storielle sono senz’altro note ad Albrecht e Jonas Ebensperger, imprenditori edili, padre e figlio, con i piedi piantati in Val Venosta e i sogni maturati nelle Alte Terre di Scozia. Alle porte della cittadella murata di Glorenza, tra i meleti e gli appezzamenti di albicocche, hanno fondato la prima distilleria di triple malt whisky made in Italy che prende il nome da un vicino affluente dell’Adige.

Un fabbricato privo del caratteristico tetto a pagoda delle distillerie delle Highlands (nessun legame con il Giappone: a fine Ottocento era stata una trovata dell’architetto di Charles Chree Doig per la distilleria Dailuanie di Aberlour, cui piacevano le sagome curvilinee). Ma per certi versi più ardito: Puni è un cubo di distillazione in mattoni di cemento, grezzo all’interno, rossi all’esterno, che richiama in chiave contemporanee l’architettura dei fienili, nell’idea dell’architetto valvenstano Berner Tscholl che ha firmato anche i progetti di restauro di Castel Firmiano, il Messner Mountain Museum di Bolzano.

Prime bottiglie nel 2015

“Avevamo la materia prima, grano e segale; l’acqua fresca e una certa familiarità con la produzione di acquavite”, esordisce Jonas Ebensperger sulla soglia del cubo, “perché non provare con il whisky? Abbiamo cominciato nel 2006, come alchimisti, a distillare per il puro gusto di sperimentare”. Al grano e alla segale della Val Venosta si è unito poi l’orzo di provenienza tedesca. Il neofienile è stato tarato sulle dimensioni degli alambicchi scozzesi Forthys che per forma ricordano gli still di Glemonrangie. Nel febbraio del 2012, prese le dovute misure con credi e superstizioni, recuperate le botti di finitura dalle cantine di Marsale e del Tennesse, padre e figlio aprono Puni. Tra le altoatesine Alte Terre dell’Ortles e del gruppo del Tessa. Con gli Angeli di montagna che ricevono la loro “parte” in un vicino bunker della Seconda Guerra Mondiale ricilato come cantina di maturazione. È’ da qui che uscirà, nel 2015, il primo whisky di malto italiano invecchiato di tre anni. Mille bottiglie per cominciare. Qui, dove la Valle si eleva per terminare, superati il borgo di Malles e l’Abbazia di Monte Maria con il suo vigneto d’altura, nell’immagine cartolina del desolato campanile annegato nel Lago artificiale di Resia.

Never take whisky without water. Never take water without whisky!

Tra meno di un anno Puni sarà imbottigliato in vetri di forma squadrata, quasi borracce di gusto contemporaneo. Al palato, promette Jonas, cederà note di pera, tabacco e cuoio; anche fieno, vaniglie e sabbia. Non sarà un single malt se ci si attiene con rigore alla definizione scozzese di whisky ottenuto da solo malto d’orzo, prodotto da una singola distilleria. Ma sicuramente un whisky di malto triplo che può comporre uno Spritz o il Puni Apple, il cocktail di prosecco, aperol, gocce di limone e succo dei mela valvenostana. O che può comparire a giusto titolo tra le novità della terza edizione di Spirit of Scotland , la tre giorni romana di degustazioni, seminari e incontri, in corso dal 15 al 17 marzo, che presenta i zero-torba, gli affumicati di Islay e i NoAge, gli assemblati di varia annata che paiono godere di alto gradimento.

Puni, di cui adesso si assaggia l’acquavite di cereali, non è certo un Classic Malt. È comunque un distillato da sorseggiare, con la complicità degli Angeli d’alta quota, nelle copita dello sherry o nei bicchieri da brandy. Senza ghiaccio. Con qualche goccia di acqua naturale. Ricordandosi, anche a Roma o in Val Venosta, della più famosa superstizione dell’Anonimo Scozzese: “never take whisky without water. Never take water without whisky!”.

  Versione Stampa   Invia  
CONFERENZA NAZIONALE MADE IN ITALY - 9 Giugno 2017
Notizia del 15/05/2017

Conferenza Nazionale Made in Italy  Made in Italy Settore Moda ed oltre Le prospettive di rilancio delle attività produttive e delle economie locali L'obiettivo dell'iniziativa è di mettere in evidenza le problematiche coseguenti alla crisi degli ultimi 10 anni, le iniziative in campo a contrasto di tale deriva. I progetti che si stanno calendarizzando per il rilancio del sistema produttivo e delle economie locali. Questa I° Conferenza Nazionale avr&agrav...

 

Delia Revelli: "Continueremo ad incalzare le industrie mettendo in atto azioni con i consumatori, anche sui nostri canali social, al fine di ottenere chiarezza e trasparenza"
Notizia del 09/05/2017

I Produttori possono concretamente contrastare ciò con la certificazione it01 .     In attesa dell’applicazione dell’etichettatura d’origine per il riso italiano, ottenuta in occasione della manifestazione di Coldiretti davanti al Mipaaf, è quanto mai necessario capire quali sono gli atteggiamenti veri dell’industria. In questa battaglia abbiamo coinvolto le associazioni dei consumatori che da sempre lottano per la trasparenza e la qualit&agrav...

 

Mivar offre gli stabilimenti gratis a Samsung: "Venite a produrre qui"
Notizia del 03/05/2017

L'azienda ha una sede ad Abbiategrasso, alle porte di Milano, di fatto mai produttiva dalla diffusione della tecnologia dei televisori Lcd, che l'ha messa fuori gioco MILANO - Rivolgersi a coloro che ne hanno decretato la fine, per cercare una nuova vita. La Mivar, storico marchio delle televisioni del boom italiano dei decenni andati, si rivolge direttamente alla Samsung per cercare di dare una seconda vita al suo mega-stabilimento di Abbiategrasso, alle porte di Milano, di fatto mai andato a regime per colpa dell'evoluzione tecnologica. Ora il patron della Mivar, il 94enne Carlo Vich...

 

Riso, la chiamata alle armi dei sindaci: parte da Biella e Vercelli la mobilitazione per il Made in Italy
Notizia del 27/04/2017

Una mobilitazione nazionale per difendere la filiera risicola. È la battaglia a cui sono chiamati i sindaci delle province di Vercelli e Biella e i colleghi dei territori risicoli lombardi: nei prossimi mesi le giunte comunali potranno votare una delibera con cui chiedere all’Europa l’attivazione della clausola di salvaguardia, che permetterebbe di regolamentare le importazioni a dazio zero di riso da Paesi come Cambogia e Myanmar. Importazioni che stanno mettendo in ginocchio centinaia di aziende in Piemonte e Lombardia, regioni che producono il 93% dei chicchi made in Ital...

 

Pastore sardo chiede aiuto a Bill Gates, ‘Vorrei che visitassi questa terra’
Notizia del 26/04/2017

Buongiorno Bill, in quest’isola di 24mila chilometri quadrati vivono tre milioni di pecore, 700mila capre e 200mila mucche. Producono un latte molto pregiato dal quale si ricavano formaggi unici al mondo. Ti va di sponsorizzare la nostra battaglia per far sopravvivere questo sistema economico millenario?”.Questo sos è firmato da Fortunato Ladu, pastore sardo di Desulo, in provincia di Nuoro, con un allevamento a Pabillonis, nel Campidano di Cagliari. Una richiesta d’aiuto che sarebbe rimasta senza eco se fosse stata indirizzata a un Bill qualsiasi e non al fondatore di...

 

Il governo: etichettatura obbligatoria d’origine sul riso - Indicazioni evidenti e riconoscibili
Notizia del 20/04/2017

Etichettatura obbligatoria d’origine sul riso e richiesta di attivazione della clausola di salvaguardia. Ecco due delle cinque 5 azioni a tutela del reddito dei produttori agricoli di riso e per la valorizzazione delle produzioni italiane e europee messe in campo dal governo dopo l’incontro con le organizzazioni di categoria, i vertici dell’ente nazionale risi, gli industriali e gli assessori all’agricoltura di Piemonte e Veneto.   «Per rispondere alla crisi del riso che sta mettendo in difficoltà migliaia di agricoltori in tanti nostri territori ...

 

Usa: il made in Italy vittima del muro di Trump. Piaggio: "Più un danno d'immagine che finanziario"
Notizia del 03/04/2017

Dopo le barriere “fisiche”, l’amministrazione del nuovo presidente Usa punta a inserire dazi doganali del 100% sui prodotti Ue, tra cui la Vespa di Piaggio e l’acqua San Pellegrino. Si aprono scenari difficili per le aziende in questione, ma a rischiare sono anche gli Usa…Chi avrebbe mai pensato che a porre un freno alle mire espansionistiche di Piaggio negli Usa sarebbe stata una bistecca. L’amministrazione del presidente Donald Trump sarebbe infatti al lavoro per imporre dazi del 100% su una serie di prodotti europei, che coinvolgerebbero anche alcuni bra...

 

Agroalimentare 2.0, dalle startup occasione d'oro per il made in Italy
Notizia del 30/03/2017

L’Italia è il primo Paese Ue per numero di prodotti Dop, Igp e Stg. Tanta qualità, non sempre valorizzata e protetta a dovere, che però ora ha dei nuovi alleati: Internet of Things, cloud, sensori e droni. Dall’agricoltura di precisione alla zootecnia, sono già numerose le imprese innovative in campoAndrea FrollàAgroalimentare 2.0, dalle startup occasione d'oro per il made in Italy L’innovazione digitale è un alleato micidiale del settore agroalimentare e l’Italia è tra i Paese più all’avanguardia su questo f...

 

Bruxelles, l’Italia compra sede Mps per 13,5 milioni e vende l’Istituto di Cultura che dal 2018 finirà dentro un container
Notizia del 27/03/2017

Chi lo bolla come un “soccorso rosso” a Monte dei Paschi, chi come un velenoso sgarro ai tecnocrati di Bruxelles. Di sicuro è una scelta che rischia di farci fare una pessima figura proprio nel cuore dell’Europa, minando anche l’ultima cosa su cui ci fanno ancora credito: la cultura. E’ ufficiale: il Ministero degli Esteri ha deciso di vendere anche la sua storica palazzina in rue de Livourne 38 che ospita da sempre consolato e Istituto di Cultura di Bruxelles per trasferirli insieme all’ambasciata in una palazzina di sei piani che ha comprato da Mont...

 

Latte, dal 20 aprile obbligo di scrivere in etichetta il Paese di mungitura. “Ma varrà solo per i produttori italiani”
Notizia del 24/03/2017

I latticini che arrivano dagli altri Paesi Ue non dovranno indicare da dove arriva la materia prima. L'avvocato esperto in diritto alimentare: "In Europa esiste un regolamento su questo ma non ci sono le norme attuative. Solo la Francia e ora anche l'Italia hanno deciso di metterla in pratica". Così per il consumatore avere informazioni complete resterà una chimeraIl diritto di sapere con chiarezza da dove provengono e dove sono stati lavorati i prodotti che acquistiamo al supermercato deve fare i conti con la burocrazia e i tanti confini che esistono ancora in Europa ancora &egr...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

direzione@madeinitaly.org
Siti collegati
Info