OSSERVATORIO MADE IN

Lunedì, 24 Febbraio, 2020

Pasta con grano d’importazione, Antitrust sanziona Lidl e chiede più trasparenza a Divella, De Cecco, Auchan e Pastificio Cocco

Notizia del 20/01/2020

Confezioni e siti enfatizzavano l'italianità del prodotto, ma la materia prima arrivava in parte anche da Canada, California, Arizona e, nel caso del marcio ‘Passioni’, da Argentina, Russia, Francia, Grecia, Messico e altri Paesi ancora. Lidl (marchi Italiamo e Combino) è l’unica a non aver presentato impegni nel corso del procedimento

Informazioni ritenute fuorvianti sull’origine del grano duro utilizzato nella produzione della loro pasta. Per questo motivo Lidl è stata sanzionata con una multa da un milione di euro, mentre Divella, De Cecco, Margherita Distribuzione (ex Auchan, marchio Passioni) e Pastificio Artigiano Cav. Giuseppe Cocco (marchio Cocco) dovranno modificare le etichette e i rispettivi siti “così da garantire al consumatore una informazione completa, fin dal primo contatto, sull’origine (talvolta estera) del grano utilizzato nella produzione della pasta”. Che arriva anche da Canada, California, Arizona e, nel caso del marcio ‘Passioni’ distribuito dall’Auchan, da Argentina, Russia, Francia, Grecia, Messico e altri Paesi ancora. È l’esito di cinque procedimenti istruttori condotti dall’Antitrust sull’etichettatura e i siti web delle cinque aziende. Tra queste Lidl (marchi Italiamo e Combino) è l’unica a non aver presentato impegni nel corso del procedimento.

 

L’authority ha invece accolto e reso obbligatori quelli presi dalle altre quattro società a cui viene detto, nero su bianco, che i doveri di un produttore non si esauriscono nella mera osservanza delle norme contenute nel Regolamento Ue 1169 del 2011 (obbligo di indicazione dell’origine del grano duro in etichetta) ma, nel caso in cui si esalti l’italianità del prodotto sulla confezione, allora “si rende necessario controbilanciare tale enfasi con una più evidente e contestuale indicazione dell’origine del grano”. Come ricordato dalla stessa Autorità, una recente indagine europea ha mostrato che “l’origine del prodotto alimentare è la variabile di scelta maggiormente considerata dagli italiani al momento dell’acquisto del cibo (è indicata dal 62% dei consumatori italiani, contro il 53% della media UE) e ha un’importanza ben superiore a quella del prezzo”. Risultati che confermano quelli già emersi in uno studio condotto per conto della Commissione Europea nel 2014, che aveva mostrato che l’origine è il fattore più frequentemente preso in considerazione nel processo di scelta del prodotto alimentare.

IL CASO DI LIDL – Secondo l’Antitrust, le confezioni di pasta di semola di grano duro commercializzate da Lidl Italia S.r.l. con i propri marchi ‘Italiamo’ e ‘Combino’ “si caratterizzano per la mancanza di contestualità tra i riferimenti altamente evocativi l’italianità del prodotto e l’informazione sulla provenienza della materia prima grano”. Le confezioni a marchio ‘Italiamo’ riportano, infatti, con grande evidenza sulla parte frontale indicazioni relative all’italianità del prodotto: le diciture ‘Italiamo’ e ‘Passione Italiana’, l’immagine della bandiera italiana, nonché l’indicazione ‘IGP’ nel caso della Pasta di Gragnano IGP. L’indicazione sulla provenienza del grano (UE e non UE) si trova con caratteri piccoli solo nella parte laterale o posteriore della confezione, in una posizione non immediatamente visibile. Tale indicazione, peraltro, non è visibile sul sito internet. Stesso discorso per le confezioni di pasta a marchio ‘Combino’, con immagini che rimandano a tipici paesaggi italiani, una coccarda o un cuore tricolori, accompagnati dalla dicitura ‘Prodotto in Italia’ e l’indicazione “Specialità italiana”. Anche in tal caso, l’indicazione sulla provenienza del grano ha una collocazione marginale. Per queste ragioni, l’Antitrust ritiene che le modalità di presentazione delle confezioni siano “ingannevoli” e possono “ingenerare nei consumatori al primo contatto l’equivoco che l’intera filiera produttiva della pasta, a partire dalla materia prima, sia italiana”, mentre italiana è solo “la localizzazione dei processi di trasformazione e delle competenze produttive”. Lidl dal canto suo “non condivide” l’interpretazione alla base del provvedimento dell’Antitrust e continua a sostenere che “la comunicazione riportata sulle confezioni dei suddetti marchi è perfettamente conforme a quanto stabilito dalla normativa vigente”.

LE MODIFICHE DI DE CECCO E DIVELLA – Nel caso della De Cecco, che però si è impegnata ad apportare modifiche, l’azienda produce diversi formati di pasta le cui confezioni sono state finora caratterizzate da “richiami all’italianità del prodotto – scrive l’Antitrust – suscettibili di ingenerare nei consumatori l’equivoco che l’intera filiera produttiva della pasta, a partire dalla materia prima, sia italiana, mentre per la relativa produzione viene utilizzato anche grano di origine estera”. Nel corso del procedimento, l’azienda ha sostenuto la correttezza del proprio operato, e il rispetto della normativa di settore, nazionale e comunitaria. Che, secondo l’Antitrust, non è però sufficiente quando viene richiamata ripetutamente e in modo molto evidente l’italianità del prodotto. De Cecco ha così presentato una proposta di impegni, accettati e resi obbligatori dall’Autorità. Sulle nuove confezioni di pasta dovranno essere eliminate, dalla parte frontale, le diciture ‘Metodo De Cecco’, ‘ricetta da oltre 130 anni’ e ‘Made in Italy’, nonché la bandierina italiana tricolore, mentre sarà inserita la dicitura: “I migliori grani italiani, californiani e dell’Arizona”. Stesse contestazioni anche per Divella che, nel corso del procedimento, ha fatto presente che produce un alimento il cui ingrediente primario, il grano duro impiegato nella produzione della pasta secca, è coltivato nella percentuale di circa il 55/60% in Italia, prevalentemente in Puglia e in parte anche in Basilicata e ha sostenuto la correttezza del proprio operato. Anche in questo caso, però, per l’Antitrust si rendono necessarie alcune modifiche. Sul fronte della confezione, per esempio, sarà inserita la dicitura ‘Pasta di semola di grano duro coltivato in Italia e Paesi UE e non UE. Macinato in Italia’. Quanto al sito internet, al negozio virtuale e alle vendite on line, si inserirà nell’home page una chiara indicazione sulla provenienza della materia prima.

GLI IMPEGNI DI COCCO E AUCHAN – Per l’Autorità della concorrenza e del mercato le confezioni di pasta a marchio Cocco “sono caratterizzate da vanti relativi ai processi tradizionali di lavorazione e alla provenienza del prodotto da una specifica area del territorio italiano (Abruzzo), mentre la materia prima utilizzata nella produzione della pasta, in termini di volumi, proviene principalmente dall’estero (in via prevalente, dall’Arizona e, in alcune produzioni, dal Canada) e non dall’Italia”. La società si è impegnata modificare le etichettature di tutte le referenze di pasta in cui è previsto l’impiego di grano duro proveniente dall’estero e l’integrazioni delle informazioni presenti sul sito, mentre è previsto il ritiro dal commercio dei formati di pasta con semola KAMUT®, importato dal Canada. Infine la Margherita Distribuzione spa, società attiva nel settore della grande distribuzione di prodotti alimentari e non. Auchan, in particolare, promuove e commercializza pasta di semola di grano duro con il marchio ‘Passioni’. Le contestazioni sono sempre quelle. E ora Auchan si impegna a rimuovere dalle confezioni le descrizioni frontali echeggianti l’italianità del prodotto (riferimenti alla Regione, metodi tradizionali utilizzati in tali territori nonché l’immagine dell’Italia). Inoltre, si impegna a fornire ai consumatori un’istantanea percezione del luogo di origine del grano duro, inserendo nella parte frontale dell’etichettatura, l’indicazione relativa alla materia prima: “Paese di coltivazione del grano: UE e non UE”; “Paese di molitura: Italia”.

Questa misura riguarderà cinque tipologie di prodotti per i quali sono stati utilizzati grani stranieri, su un totale di 38 referenze (33 delle quali sono attualmente prodotte con grano di origine italiana). Si tratta dei Maccheroncini di Campo Filone IGP e Fettuccine di Campo Filone (Francia, Grecia e Russia), Pizzoccheri della Valtellina IGP (Argentina e Stati Uniti), Filei (Italia, Canada, Stati Uniti, Australia), Maccheroni al Ferretto (Grecia, Messico, Argentina, Francia). “Il nuovo set informativo – scrive l’Autorità garante della concorrenza e del mercato – permetterà così di evitare la possibile confusione tra provenienza della pasta e origine del grano”.

Credits: FattoQuotidiano.it

Informazioni ritenute fuorvianti sull’origine del grano duro utilizzato nella produzione della loro pasta. Per questo motivo Lidl è stata sanzionata con una multa da un milione di euro, mentre DivellaDe CeccoMargherita Distribuzione (ex Auchan, marchio Passioni) e Pastificio Artigiano Cav. Giuseppe Cocco (marchio Cocco) dovranno modificare le etichette e i rispettivi siti “così da garantire al consumatore una informazione completa, fin dal primo contatto, sull’origine (talvolta estera) del grano utilizzato nella produzione della pasta”. Che arriva anche da CanadaCaliforniaArizona e, nel caso del marcio ‘Passioni’ distribuito dall’Auchan, da Argentina, Russia, Francia, Grecia, Messico e altri Paesi ancora. È l’esito di cinque procedimenti istruttori condotti dall’Antitrust sull’etichettatura e i siti web delle cinque aziende. Tra queste Lidl (marchi Italiamo e Combino) è l’unica a non aver presentato impegni nel corso del procedimento.

ADVERTISEMENT

 
 

 

L’authority ha invece accolto e reso obbligatori quelli presi dalle altre quattro società a cui viene detto, nero su bianco, che i doveri di un produttore non si esauriscono nella mera osservanza delle norme contenute nel Regolamento Ue 1169 del 2011 (obbligo di indicazione dell’origine del grano duro in etichetta) ma, nel caso in cui si esalti l’italianità del prodotto sulla confezione, allora “si rende necessario controbilanciare tale enfasi con una più evidente e contestuale indicazione dell’origine del grano”. Come ricordato dalla stessa Autorità, una recente indagine europea ha mostrato che “l’origine del prodotto alimentare è la variabile di scelta maggiormente considerata dagli italiani al momento dell’acquisto del cibo (è indicata dal 62% dei consumatori italiani, contro il 53% della media UE) e ha un’importanza ben superiore a quella del prezzo”. Risultati che confermano quelli già emersi in uno studio condotto per conto della Commissione Europea nel 2014, che aveva mostrato che l’origine è il fattore più frequentemente preso in considerazione nel processo di scelta del prodotto alimentare.

 

IL CASO DI LIDL – Secondo l’Antitrust, le confezioni di pasta di semola di grano duro commercializzate da Lidl Italia S.r.l. con i propri marchi ‘Italiamo’ e ‘Combino’ “si caratterizzano per la mancanza di contestualità tra i riferimenti altamente evocativi l’italianità del prodotto e l’informazione sulla provenienza della materia prima grano”. Le confezioni a marchio ‘Italiamo’ riportano, infatti, con grande evidenza sulla parte frontale indicazioni relative all’italianità del prodotto: le diciture ‘Italiamo’ e ‘Passione Italiana’, l’immagine della bandiera italiana, nonché l’indicazione ‘IGP’ nel caso della Pasta di Gragnano IGP. L’indicazione sulla provenienza del grano (UE e non UE) si trova con caratteri piccoli solo nella parte laterale o posteriore della confezione, in una posizione non immediatamente visibile. Tale indicazione, peraltro, non è visibile sul sito internet. Stesso discorso per le confezioni di pasta a marchio ‘Combino’, con immagini che rimandano a tipici paesaggi italiani, una coccarda o un cuore tricolori, accompagnati dalla dicitura ‘Prodotto in Italia’ e l’indicazione “Specialità italiana”. Anche in tal caso, l’indicazione sulla provenienza del grano ha una collocazione marginale. Per queste ragioni, l’Antitrust ritiene che le modalità di presentazione delle confezioni siano “ingannevoli” e possono “ingenerare nei consumatori al primo contatto l’equivoco che l’intera filiera produttiva della pasta, a partire dalla materia prima, sia italiana”, mentre italiana è solo “la localizzazione dei processi di trasformazione e delle competenze produttive”. Lidl dal canto suo “non condivide” l’interpretazione alla base del provvedimento dell’Antitrust e continua a sostenere che “la comunicazione riportata sulle confezioni dei suddetti marchi è perfettamente conforme a quanto stabilito dalla normativa vigente”.

LE MODIFICHE DI DE CECCO E DIVELLA – Nel caso della De Cecco, che però si è impegnata ad apportare modifiche, l’azienda produce diversi formati di pasta le cui confezioni sono state finora caratterizzate da “richiami all’italianità del prodotto – scrive l’Antitrust – suscettibili di ingenerare nei consumatori l’equivoco che l’intera filiera produttiva della pasta, a partire dalla materia prima, sia italiana, mentre per la relativa produzione viene utilizzato anche grano di origine estera”. Nel corso del procedimento, l’azienda ha sostenuto la correttezza del proprio operato, e il rispetto della normativa di settore, nazionale e comunitaria. Che, secondo l’Antitrust, non è però sufficiente quando viene richiamata ripetutamente e in modo molto evidente l’italianità del prodotto. De Cecco ha così presentato una proposta di impegni, accettati e resi obbligatori dall’Autorità. Sulle nuove confezioni di pasta dovranno essere eliminate, dalla parte frontale, le diciture ‘Metodo De Cecco’, ‘ricetta da oltre 130 anni’ e ‘Made in Italy’, nonché la bandierina italiana tricolore, mentre sarà inserita la dicitura: “I migliori grani italiani, californiani e dell’Arizona”. Stesse contestazioni anche per Divella che, nel corso del procedimento, ha fatto presente che produce un alimento il cui ingrediente primario, il grano duro impiegato nella produzione della pasta secca, è coltivato nella percentuale di circa il 55/60% in Italia, prevalentemente in Puglia e in parte anche in Basilicata e ha sostenuto la correttezza del proprio operato. Anche in questo caso, però, per l’Antitrust si rendono necessarie alcune modifiche. Sul fronte della confezione, per esempio, sarà inserita la dicitura ‘Pasta di semola di grano duro coltivato in Italia e Paesi UE e non UE. Macinato in Italia’. Quanto al sito internet, al negozio virtuale e alle vendite on line, si inserirà nell’home page una chiara indicazione sulla provenienza della materia prima.

 

GLI IMPEGNI DI COCCO E AUCHAN – Per l’Autorità della concorrenza e del mercato le confezioni di pasta a marchio Cocco “sono caratterizzate da vanti relativi ai processi tradizionali di lavorazione e alla provenienza del prodotto da una specifica area del territorio italiano (Abruzzo), mentre la materia prima utilizzata nella produzione della pasta, in termini di volumi, proviene principalmente dall’estero (in via prevalente, dall’Arizona e, in alcune produzioni, dal Canada) e non dall’Italia”. La società si è impegnata modificare le etichettature di tutte le referenze di pasta in cui è previsto l’impiego di grano duro proveniente dall’estero e l’integrazioni delle informazioni presenti sul sito, mentre è previsto il ritiro dal commercio dei formati di pasta con semola KAMUT®, importato dal Canada. Infine la Margherita Distribuzione spa, società attiva nel settore della grande distribuzione di prodotti alimentari e non. Auchan, in particolare, promuove e commercializza pasta di semola di grano duro con il marchio ‘Passioni’. Le contestazioni sono sempre quelle. E ora Auchan si impegna a rimuovere dalle confezioni le descrizioni frontali echeggianti l’italianità del prodotto (riferimenti alla Regione, metodi tradizionali utilizzati in tali territori nonché l’immagine dell’Italia). Inoltre, si impegna a fornire ai consumatori un’istantanea percezione del luogo di origine del grano duro, inserendo nella parte frontale dell’etichettatura, l’indicazione relativa alla materia prima: “Paese di coltivazione del grano: UE e non UE”; “Paese di molitura: Italia”.

Questa misura riguarderà cinque tipologie di prodotti per i quali sono stati utilizzati grani stranieri, su un totale di 38 referenze (33 delle quali sono attualmente prodotte con grano di origine italiana). Si tratta dei Maccheroncini di Campo Filone IGP e Fettuccine di Campo Filone (Francia, Grecia e Russia), Pizzoccheri della Valtellina IGP (Argentina e Stati Uniti), Filei (Italia, Canada, Stati Uniti, Australia), Maccheroni al Ferretto (Grecia, Messico, Argentina, Francia). “Il nuovo set informativo – scrive l’Autorità garante della concorrenza e del mercato – permetterà così di evitare la possibile confusione tra provenienza della pasta e origine del grano”.

  Versione Stampa   Invia  
La Via della Scarpa
Notizia del 24/01/2020

...

 

Coldiretti Puglia, bene sostegno olio 100% Made in Italy nella grande distrubizione
Notizia del 22/01/2020

Commento di Coldiretti Puglia alla decisione del patron del Gruppo Megamark Giovanni Pomarico di sostenere l’economia olivicola pugliese e del Sud. Apprezzamento per la scelta del Gruppo Megamark di sospendere nelle catene di supermercati DOK e Famila le promozioni dell’olio comunitario, per sostenere le vendite dell’olio extravergine di oliva italiano attraverso un battage comunicazionale forte. E’ il commento di Coldiretti Puglia alla decisione del patron del Gruppo Me...

 

Pasta con grano d’importazione, Antitrust sanziona Lidl e chiede più trasparenza a Divella, De Cecco, Auchan e Pastificio Cocco
Notizia del 20/01/2020

Confezioni e siti enfatizzavano l'italianità del prodotto, ma la materia prima arrivava in parte anche da Canada, California, Arizona e, nel caso del marcio ‘Passioni’, da Argentina, Russia, Francia, Grecia, Messico e altri Paesi ancora. Lidl (marchi Italiamo e Combino) è l’unica a non aver presentato impegni nel corso del procedimento Informazioni ritenute fuorvianti sull’origine del grano duro utilizzato nella produzione della loro pasta. Per questo motivo Lidl è stata sanzionata con una multa da un milione di euro, mentre Divella, De Cecco, Marg...

 

Nasce ITALIA IMBOTTITI Governance Club
Notizia del 09/12/2019

Lugo, li 4 Dicembre 2019 Sette Imprese Fondano ITALIA IMBOTTITI Governance Club , Organizzazione per la Garanzia e la Promozione delle Imprese che realizzano Imbottiti di Qualità 100% Italiani Certificati “Made in Italy” Le Aziende Fondatrici sono: Minardi Piume, Pi-Ume, Nuova Ume Veneto, R.F Resina Forlivese, Mondo Espansi, Euroresine 2000, Brighi Tecnologie Italia con l’Affiancamento dell’Istituto Tutela Produttori Italiani.Il board dell’ organiz­zazione risulta così composto:Presidente> Luigi Cassigoli Vice Presidente> Riccardo ValliCo...

 

AVVENTO DEL NUOVO PROGETTO - CESTI.ORG
Notizia del 25/11/2019

Vi comunichiamo l'avvento di un nuovo progettoStiamo realizzando un nuovo canale distributivo dei pacchi dono, oggi Natale poi anche per Pasqua e regali aziendali. Da quest'anno c'è questa possibilità: Nasce cesti.OrgIniziativa Dei Produttori italiani per valorizzare le eccellenze agroalimentari italiane. Questa iniziativa si caratterizza per il fatto che i prodotti e le materie prime debbono essere eclusivamente ed interamente italiane.Prodotti Selezionati, unici, esclusivi particolari e tracciati, quindi con la piena garanzia dell'origine ma anche della qualità.Mangiar...

 

MISSIONE ECONOMICA PRODUTTORI ITALIANI A DUBAI 17 – 20 NOVEMBRE 2019
Notizia del 19/11/2019

MISSIONE ECONOMICA PRODUTTORI ITALIANI A DUBAI 17 – 20 NOVEMBRE 2019  Partirà il giorno sabato 17 Novembre la missione di 3 giorni dei produttori italiani con destinazione Dubai, Emirati Arabi Uniti. Questi i numeri e la tendenza del mercato Emiratino: Gli Emirati Arabi Uniti nel 2018 sono stati il ventunesimo mercato di sbocco per le vendite italiane di merci (il primo nella regione del Medio Oriente). Il PIL nominale a prezzi correnti del paese si posiziona al secondo posto nell’area del Golfo , dopo l’Arabia Saudita, con un valore stimato di circa 433 mld US$ nel 2018 e ulterio...

 

La ditta di ceramica spostata in Armenia, ma gli 11 dipendenti se la comprano ed è un successo
Notizia del 19/11/2019

Città di Castello, i lavoratori che erano stati licenziati rilevano macchinari e affittano la sede con i soldi del Tfr: riconquistati i vecchi clienti e i conti vanno a gonfie vele Il marchio della nuova fabbrica se lo portano dietro ovunque con tanto di slogan «Tutti per uno, un sogno per tutti». «Ce lo siamo tatuato sul braccio — racconta con un sorriso Chiara Bastianelli, 37 anni, decoratrice — perché è il simbolo della nostra rinascita e del lavoro che adesso nessuno ci potrà più togliere». Già, perché un...

 

Scarpe di seta e fibra di ortica
Notizia del 29/10/2019

di Gunter Pauli – Le vendite globali di calzature al dettaglio hanno raggiunto i 300 miliardi. La forte domanda dei mercati emergenti in Asia e America Latina ha spinto il tasso di crescita oltre il 6% annuo. Si vendono più di 15 miliardi di paia di scarpe e il numero totale di scarpe vendute è aumentato di 2 miliardi di paia negli ultimi cinque anni e il mercato non accenna a diminuire. C’è anche da dire che il settore delle calzature è una delle industrie più globalizzate. Nel caso del Nord America, per esempio, il 96% di tutte le calzatur...

 

Missione Produttori Italiani a New York - 21\25 Ottobre 2019
Notizia del 22/10/2019

È partita il giorno sabato 21 Ottobre la missione di 4 giorni dei produttori italiani con destinazione N. Y. USA Sono previsti incontri con distributori di :- abbigliamento e accessori moda(5)-calzature (3)-settore cosmesi (3)- agroalimentare (4) La missione è diretta a verificare l'interesse degli addetti commerciali per le creazioni dei marchi (24) che verranno presentati. Lo step successivo è quello di portare i Clienti in Italia per un incontro con i produttori con la prospettiva di visite individuali nelle Aziende con concrete prospettive di campionature e/ tester ...

 

Centri storici italiani
Notizia del 11/09/2019

Questo è quello che dovrebbe avvenire nei centri storici italianiavremo mai La fortuna di trovare qualche politico lungimirante che sposa il rilancio ristrutturazione dei centri storici italiani.Che la fortuna ci assista" ...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info