OSSERVATORIO MADE IN

Mercoledì, 18 Settembre, 2019

L'etichetta made in Italy non interessa ai consumatori globali

Notizia del 12/12/2018

La parola “cibo” evoca l’Italia nella mente di tre persone su quattro in giro per il pianeta. Un bel vantaggio reputazionale per le nostre imprese della filiera agrifood, quando si decideranno a sfruttare appieno le loro potenzialità sui mercati internazionali (oggi esporta appena il 15% delle aziende e le vendite oltreconfine sono di 40 miliardi di euro a fronte di un italian sounding che vale oltre il doppio). Ma non è sull’etichetta “made in Italy” che possono fare affidamento, perché meno di un consumatore su tre guarda il marchietto d’origine per decidere l’acquisto, mentre vuole sapere (65% delle risposte) provenienza delle materie prime, processo di lavorazione, tracciabilità.
Commercio estero, Istat: settembre nero per il made in Italy
È questo il risultato più inatteso che emerge dalla survey – senza precedenti per vastità: 80mila consumatori internazionali in 27 Paesi interpellati – condotta da EY quest’anno e anticipata a Parma in occasione del primo convegno interamente dedicato al foodtech organizzato dal colosso della consulenza assieme all’università ducale. La ricerca “Future Consumer. Now” non nasce focalizzata sullo Stivale ma sull’approccio mondiale al food ed è però al Belpaese che trasmette un nuovo messaggio che ribalta il ruolo commerciale della bandiera tricolore. «Il brand Italia è un vantaggio competitivo forte. Tra i distretti mondiali del food, Italia e Francia giocano testa a testa, ma a noi viene attribuito un plus in termini di tradizione e lifestyle – spiega Marco Grieco, consumer product ande retail advisory leader di EY –. Come a dire che i consumatori mondiali ci danno credito in partenza, perché italiani, ma non basta. Non è all’etichetta poi che guardano quando devono comprare, anche perché in Europa di etichette e marchi di origine ce ne sono troppi. Chi cerca qualità (e il made in Italy può giocare solo nella fascia alta del mercato) vuole capire l’effettiva provenienza delle materie prime, chi e come le lavora e conoscere l’intera filiera. L’asset del marchio non basta».

Ambassador gastronomici per il made in Italy
Diventa quindi cruciale saper raccontare a ogni foody nel modo giusto il proprio prodotto usando le leve giuste per conquistarlo. E qui da un lato arriva la risposta accademica – nella food valley emiliana si sta lavorando per creare una grande università internazionale del food sulla stregua di quanto già fatto nella motoristica con Muner, la Motorvehicle University of Emilia-Romagna – dall’altro l’analisi dei 15 archetipi di consumatori worldwide firmata da EY, attraverso un lavoro quali-quantitativo condotto in 5 città internazionali (Berlino, Los Angeles, Londra, Shanghai, Bombay) che hanno coinvolto più di 3mila consumatori locali, 62 centri di ricerca e quasi 50 aziende. Tra i 15 profili, quattro sono distintivi. 1) Berlino, “Home anywhere”: tipologia di consumatori prevalentemente europei che per il 67% cercano come primo driver nello scegliere cibo il fatto di “sentirsi sempre a casa, in famiglia” anche quando viaggiano e quindi la distribuzione capillare gioca un ruolo chiave; 2) Los Angeles, “Data Influence”: è il profilo dei consumatori americani, per il 71% dei casi ben disposti a cedere informazioni personali in cambio di valore reale riattribuito, come scontistica personalizzata, offerta di prodotti esclusivi (e questo significa che le imprese italiane devono targettizzare l’offerta e lavorare con strumenti di analytics evoluti); 3) Shanghai, “Quantified consumer”: è lo stereotipo del consumatore cinese, quello con il maggior potenziale per il food italiano, per il 90% acquirenti che danno un giudizio numerico sui social al prodotto consumato, ne parlano in dettaglio sulla rete e sono potenziali brand ambassadors locali (per le imprese italiane significa curare nel minimo dettaglio social credit scores, social engineering...); 4) Londra, “Time first”, profilo dei foodies anglosassoni che nel 72% delle interviste considerano il “tempo” come bene più prezioso, anche quando si tratta di acquistare cibo e questo implica multicanalità nella vendita con consegne domestiche nel giro di poche ore con un “one stop shop” rapido, efficace, divertente e sicuro.

Ecco il cibo del futuro: per 9 su 10 resistono le eccellenze del made in Italy
«Il cibo so è trasformato da esigenza ad esperienza, anche culturale, con una domanda molto elastica al reddito e poco sensibile al prezzo alla ricerca di qualità e distintitivà e questa è una chance enorme per il made in Italy e per tutti quegli strumenti, come il blockchain, che permettono di dare certezza e trasparenza al valore reale dello scambio eliminando le asimmetrie informative. Sono però ancora troppo poche le aziende italiane che hanno capito come si crea maggior valore aggiunto per il consumatore e come comunicarlo e certificarlo in modo credibile», sottolinea Marco Menabue, Food industry leader di EY. L’indagine condotta da EY tra le società alimentari italiane sopra i 50 milioni di fatturato (ovvero poco più dell’1% delle aziende della filiera, visto che Nomisma insegna che appena l’1,7% delle imprese agrifood ha più di 50 addetti, equivalente a un fatturato medio attorno ai 20 milioni di euro!) ha rivelato infatti che solo il 42% delle intervistate studia i comportamenti dei consumatori internazionali e un 48% si è dotato di strumenti per certificare le filiere (anche se l’85% lo fa per ottenere una etichetta di origine e non nella convinzione, corretta, che serva descrivere meglio il processo produttivo a chi lo compra). L’unica tecnologia diffusa (presente nel 75% delle imprese medio-grandi) è il Crm per conoscere e targettizzare i clienti, un altro 35% ha introdotto sistemi IoT ma appena il 42% degli imprenditori è pronto a mettere in discussione il proprio modello operativo per essere più efficace ed efficiente sui mercati.

Insomma, c’è un netto scollamento tra le imprese italiane ancorate a vecchi schemi e consumatori globali molto “avanti”: l’80% risponde “sì” alla domanda diretta “compreresti italiano?”), ma l’ 88% dei consumatori asiatici non guarda la provenienza geografica in etichetta, il 72% degli Americani fa lo stesso, solo in Europa la percentuale scende al 52%, complici le regolamentazioni comunitarie e quelle sulla provenienza geografica. E degli 80mila consumatori intervistati da EY solo il 32% è consapevole del marchio “made in”; mentre il 65% si dice attivamente interessato a capire che c’è dietro a ciò che compra e mangia, con un’attenzione spasmodica alla tracciatura oltremanica, alla sostenibilità nella Vecchia Europa, alle informazioni in America e al marketing diretto e indiretto in Asia. Come a dire: spazio all’italian sounding se fatto e comunicato bene e con cura, il nome “Italia” funziona abbinato al cibo, ma che arrivi davvero dallo Stivale conta meno, perché vale di più la qualità intrinseca del prodotto.

  Versione Stampa   Invia  
Centri storici italiani
Notizia del 11/09/2019

Questo è quello che dovrebbe avvenire nei centri storici italianiavremo mai La fortuna di trovare qualche politico lungimirante che sposa il rilancio ristrutturazione dei centri storici italiani.Che la fortuna ci assista" ...

 

Proposte dell'Istituto Tutela Produttori Italiani ,Rif: Incontro al Viminale del 15 Luglio 2019
Notizia del 25/07/2019

Egregio Ministro Salvini, come sollecitato nella riunione al Viminale del 15/07/2019 ci apprestiamo ad inoltrarLe le 5 proposte dell’Istituto. Gli obiettivi delle proposte sono: Determinare un rafforzamento della tutela del Made in Italy. Il rilancio delle economie locali con la ristrutturazione dei centri storici e con una diversa visibilità dei distretti produttivi. L’ammodernamento e una diversa e più efficiente funzionalità dei mezzi di trasferimento d...

 

Elaborato Centro Studi sulla detassazione, decontribuzione e sburocratizzazione in Riferimento alla Convocazione delle parti sociali
Notizia del 25/07/2019

Elaborato Centro Studi sulla detassazione, decontribuzione e sburocratizzazione in Riferimento alla Convocazione delle parti sociali ...

 

Conferenza Nazionale Made in Italy 2019 - Comunicato Stampa
Notizia del 20/06/2019

COMUNICATO STAMPA   Martedì 25 Giugno 2019 alle Ore 10:00 presso la Sala del refettorio, Palazzo San Macuto Roma si terrà la III° ed. Conferenza Nazionale Made in Italy anno 2019.Nella scorsa edizione, tenutasi presso la Biblioteca della Camera dei deputati, sono risultati presenti numerosi parlamentari, stampa nazionale e alcuni rappresentanti di associazioni. Particolarmente importanti la argomentazioni. Dopo il saluto dell’Imprenditore Consigliere Anziano dell’Istituto Graziano Paccapelo sono state illustrate le relazioni da pa...

 

Check-up aziendali per progetti all'esportazione
Notizia del 19/04/2019

      Check-up aziendali per progetti all'esportazione           L'iniziativa                     Il check-up viene realizzato gratuitamente da Promindustria, perché è eventualmente interessato a porre in essere l’attività di affiancamento all’esportazio...

 

Intervento del Dott. Nazzareno Vita alla II Commissione Giustizia nell’ambito dell’esame della proposta di legge recante disposizioni in materia di contrasto della contraffazione e del contrabbando, nonché delega per l'adozione di un testo unico in materia di tutela dei prodotti nazionali e l'istituzione del marchio «100% Made in Italy».
Notizia del 09/04/2019

Sessione della II Commissione Giustizia svolge l’audizione di Mario Libertini, professore emerito di diritto commerciale presso l’Università “La Sapienza” di Roma, e Nazzareno Vita, direttore generale dell’Istituto Tutela Produttori Italiani nell’ambito dell’esame della proposta di legge recante disposizioni in materia di contrasto della contraffazione e del contrabbando, nonché delega per l'adozione di un testo unico in materia di tutela dei prodotti nazionali e l'istituzione del marchio «100% Made in Italy».   ...

 

TRE PROPOSTE DELL’ ISTITUTO PRESENTATE AL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO NELL'AMBITO DEL TAVOLO CONSULTAZIONE PMI
Notizia del 04/04/2019

TRE PROPOSTE DELL’ ISTITUTO   TUTELA SISTEMA PRODUTTIVO ITALIANO RILANCIO DEL SISTEMA PRODUTTIVO ATTRAVERSO LA RINASCITA DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI NEI CENTRI STORICI TRA OUTLET, PRODOTTI ESCLUSIVI TRADIZIONALI TIPICI, OSPITALITÀ ED HOTEL DIFFUSO TUTELA DEL CONSUMATORE ...

 

Contrasto alla contraffazione e tutela del Made in Italy nell’era digitale
Notizia del 02/04/2019

Contrasto alla contraffazione e tutela del Made in Italy nell’era digitale  Nuova Aula Palazzo dei Gruppi Parlamentari | Via di Campo Marzio 78, Roma Interventi: On. PAXIA Maria Laura - X Commissione Permanente Camera dei Deputati (Attività Produttive, turismo e commercio), Vigilanza Rai, sottocommissione per l'accesso dei servizi radiotelevisivi e prima firmataria della legge sulla contraffazione e il made in italy presso la Camera dei Deputati; DI NATALE Gianfranco - Direttore Generale Confindustria Moda; LUONGO Roberto - Direttore Generale ICE; MI...

 

Made in Italy, confagricoltura: effetti gravi dall’embargo russo
Notizia del 05/03/2019

“Le conseguenze economiche dell’embargo della Russia sulle importazioni di prodotti agricoli e dell’industria alimentare sono molto pesanti per l’Italia. Dall’entrata in vigore del divieto di importazione di molti prodotti agricoli e dell’industria alimentare, il valore annuo delle esportazioni italiane (confronto 2018 su 2013) risulta ridotto di 153 milioni di euro (-22%), dopo aver raggiunto nel 2015 la punta di 324 milioni di euro”. Lo rileva il Centro studi di Confagricoltura nel Rapporto:” Conseguenze economiche dell’emb...

 

Distretti made in Italy, Chanel punta sui leader
Notizia del 26/02/2019

Didier Bonnin Castellarin, alla guida della filiera calzature del gruppo francese, racconta la strategia di integrazione dei fornitori. Obiettivo: il patrimonio artigianale. Dare continuità a un savoir-faire che è da sempre al servizio della creatività. È questo l’obiettivo su cui Chanel investe dal 1985, anno in cui ha avviato acquisizioni che guardano al patrimonio artigianale di realtà d’eccellenza. In questo modo la maison dalla doppia C si assicura buone capacità produttive, rafforzando le sue relazioni su diversi territori. In Italia...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info