OSSERVATORIO MADE IN

Sabato, 23 Marzo, 2019

Stefano Mai:

Notizia del 07/03/2012

Di seguito l’intervento di Stefano Mai, Capogruppo Lega Nord in Consiglio Provinciale a Savona e Sindaco di Zuccarello, in merito all’argomento “Crisi aziendale e situazione occupazionale sul territorio provinciale”.

Oggi ci troviamo qui per parlare di uno dei più importanti temi che interessano la nostra provincia, la nostra società. Alcuni giorni fa, precisamente il giorno 21/2/2012 il Consiglio Regionale della Liguria ha votato all’unanimità un ordine del giorno sottoscritto da tutti i gruppi a sostegno delle imprese savonesi, impegnando il presidente e la giunta ad attivare tutti gli strumenti per sostenere il sistema economico produttivo ed i lavoratori, e tra le altre cose ad attivare un tavolo con la provincia di Savona. Sono lieto che se ne discuta largamente, contrariamente a quanto fatto dalla Regione, attraverso una fredda approvazione senza discussione, ma che speriamo comunque attiri ugualmente le dovute attenzioni.

Purtroppo stiamo vivendo gli effetti di una globalizzazione senza regole. Bisogna pensare ad un nuovo sistema economico basato su regole diverse, dove la tutela del lavoro e della produzione vengano messi al centro. Prima di tutto devono essere aiutati i nostri. Non possiamo pensare che in un momento in cui c’è una cospicua perdita di posti di lavoro si debbano fare entrare nuovi immigrati. Questo è un atteggiamento irresponsabile. E poi dove pensiamo siano finiti i soldi percepiti dagli immigrati? Per circa l’80% finiscono nei loro paesi di origine, cosi di fatto impoverendo ulteriormente il paese.

Bisogna pensare ad interventi a sostegno di chi è in difficoltà quindi continuare, si ad agire con gli ammortizzatori sociali ma pensare ad incentivi che non siano solo a favore di una azienda od un comparto, ma che servano al rilancio del nostro sistema economico, che deve essere frutto di scelte politiche ben precise. Si deve prendere la strada delle politiche del territorio, degli incentivi alle imprese e del sostegno al lavoro come ad esempio hanno iniziato a fare Piemonte e Lombardia. Guardiamo la situazione della Grecia: da noi le tensioni sociali per ora sono tenute a bada ma quale futuro avrà un paese in cui, come da fonti ISTAT, ci sono 144 anziani ogni 100 giovani, senza ricambio generazionale, dove si teme responsabilmente di non poter mantenere eventuali figli e famiglie, dove mancano infrastrutture, dove la tassazione è alle stelle ed i vincoli burocratici di ogni genere e sorta spingono alla ricerca di un posto fisso e non al fare impresa.

Si paga l’iva anticipata e le tasse le devi pagare anche se non hai incassato. Basta poco per fermare il sistema. È sufficiente che tardi un pagamento, l’azienda si trova senza liquidità ed il sistema si blocca. Basti pensare che ci sono 90 miliardi di euro di fondi per le imprese bloccati. Ora sembra che ne siano stati sbloccati 6 da Monti. La Bce che continua a fornire prestiti alle banche, ma non vi è traccia di agevolazioni per l’accesso al credito per le imprese. Parliamo di mammoni ai quali però le banche, senza la presenza di un rapporto a tempo indeterminato, non concedono mutui e che quindi tornano a casa dai genitori perché marchiati dall’incertezza del lavoro.

Meno tasse più lavoro, è questa la risposta alla crisi del mercato, all’incursione della globalizzazione, alla dittatura economica dell’Europa e delle banche. Purtroppo abbiamo visto negli ultimi anni fiori all’occhiello dell’industria nazionale che hanno lasciato l’Italia. Marchi importanti e prodotti molto conosciuti che sono andati ad arricchire proprietà straniere ( e purtroppo di questo è stato complice anche lo stato che non ha definito le opportune strategie e per citare un caso eclatante: i vestiti di un corpo delle forze dell’ordine appaltati a fabbriche rumene. con la storia dell’industria tessile del nostro paese…). E che dire di chi per risparmiare compera dai cinesi prodotti di dubbia qualità, o dai africani sulla spiaggia o per le vie dei centri. Ed il made in Italy? Lo abbiamo dimenticato? Il made in Italy siamo noi, è il nostro lavoro e questo concetto deve essere il nostro costante tormentone!

Ma voglio fare alcune riflessioni. La prima è rivolta alle infrastrutture, e subito il mio pensiero è rivolto al nostro atteggiamento a riguardo. Ad esempio vediamo cosa sta accadendo per la tav dove è in gioco il futuro del nord. Un costo che si può sostenere e che può creare grande sviluppo. Le infrastrutture sono alla base dello sviluppo economico di ogni Paese e Confindustria ce ne ricorda spesso il pesante deficit e le ricadute sui costi e la competitività del nostro sistema produttivo. Una adeguata dotazione di infrastrutture è infatti condizione necessaria per competere sul mercato globale, e migliorare tale dotazione è una condizione irrinunciabile. In particolare, la dimensione europea del tema assume oggi una valenza sempre più forte, in una fase in cui è prevista ancora l’adesione all’Unione di nuovi Paesi. Parliamo quindi di “corridoi infrastrutturali” strategici con la possibilità che siano finanziabili con risorse nazionali ed europee. Ma con uno scenario finanziario di questo tipo è difficile la possibilità del reperimento di risorse pubbliche e quindi diventa indispensabile individuare modalità per stimolare e coinvolgere investimenti privati. Ed in questo senso è necessario creare le condizioni che rendano l’investimento in infrastrutture attrattivo per i capitali privati. A complicare ulteriormente questo processo è la burocrazia e la molteplicità degli attori coinvolti nei processi decisionali , e per questo motivo non si hanno garanzie sul rispetto dei tempi e nel controllo dei costi, con la conseguenza di compromettere le strategie industriali e di scoraggiare l’intervento di finanziatori privati. È necessario snellire e razionalizzare tali sistemi focalizzando il processo decisionale sul livello che è più appropriato per i progetti, a seconda che essi abbiano una rilevanza strategica europea, nazionale, o regionale. Fondamentale deve essere la partecipazione delle comunità locali anche soprattutto per promuovere la più ampia consapevolezza sui costi e benefici condivisi connessi al tali opere infrastrutturali.

I piani aziendali/ piani industriali: se è vero che La procedura per richiedere la CIGS, prevede la produzione del programma da attuare in termini di durata e numero dei lavoratori da sospendere, allora credo che tale documento debba necessariamente contenere anche la strategia aziendale per uscire dalla crisi e quindi un piano industriale…. documento che dovrebbe illustrare le intenzioni strategiche dell’azienda, le azioni che saranno realizzate per il raggiungimento degli obiettivi strategici e dei risultati economico finanziari attesi, necessari per la creazione di valore e la crescita dell’azienda. Tale piano svolge un ruolo fondamentale anche dal punto di vista della comunicazione verso gli interlocutori finanziari, quali banche fondi e investitori istituzionali, investitori privati.

Purtroppo però ci troviamo in presenza di industrie che come unica strategia manifestano quella ci delocalizzare, un altro tema che ci sta a cuore. Spesso ci troviamo di fronte a strategie aziendali che prevedono la delocalizzazione in paesi esteri, (nell’Est Europa, in Africa, ecc). Queste strategie sono a parere nostro cure palliative che non fanno altro che allungare la lenta agonia della fabbrica o meglio dei contratti di lavoro. Ritengo che queste pratiche possano essere, al limite, tollerabili, nel caso in cui vengano garantiti tutti i posti di lavoro. Ma sappiamo bene che poi così non è. Penso che sia un atteggiamento da parte degli imprenditori non responsabile ed altamente egoistico. Ci sono poi i fondi europei che devono essere vincolati e veicolati per sovvenzionare imprese che non delocalizzano, che mantengono i dipendenti e che magari assumono manodopera italiana. I fondi strutturali quindi non dovrebbero in alcun modo essere utilizzati per sovvenzionare la delocalizzazione delle imprese.

Investimenti degli imprenditori: qui accade ciò che è accaduto nel turismo. Abbiamo sfruttato fino all’osso i nostri turisti, non abbiamo ammodernato le strutture, ed ora ci troviamo con un sistema vecchio che tenta a fatica a rialzarsi. Molti proprietari di alberghi hanno cercato di trasformarli in appartamenti. Allo stesso modo, non voglio però generalizzare, alcuni non hanno effettuato gli investimenti necessari a tempo debito ed ora non si riesce più a stare su mercato per gli esorbitanti costi delle forniture energetiche ecc. Apprezzabili sono le situazioni in cui gli imprenditori hanno messo avanti a tutto il pagamento degli stipendi ma forse sarebbe stato opportuno effettuare gli investimenti dovuti.

Politiche energetiche: capita spesso che i costi di produzione siano proibitivi per vetustà degli impianti. Cerchiamo di intercedere ed fare in modo che durante il periodo necessario al rinnovamento degli impianti, i fornitori rimodulino le tariffe o concedano prestiti energetici rimborsabili nel momento di ripresa della piena funzionalità. Abbiamo un ambiente deturpato dalle strutture energetiche, ambiente che viene sottratto a tutti e allora che questi contribuiscano alla ripresa del paese.Stante tutto ciò è necessario che tutti svolgano il loro ruolo e credo che la provincia di Savona possa avere una parte attiva nell’ambito che più gli compete che è quello della pianificazione e delle pratiche autorizzative in riferimento alle questioni urbanistiche.

Per quanto sarà possibile fare, manifesto la massima disponibilità e collaborazione da parte del gruppo della Lega nord. La lega nord c’è e ci sarà sempre. Certo è difficile intervenire quando la situazione è arrivata a certi punti, ma è estremamente necessario che si abbattano le barricate e si lavori in sinergia. Ma affinché tutto questo sia possibile devono esistere dei piani industriali di rilancio, altrimenti è come parlare del sesso degli angeli ed i lavoratori che sono qui presenti hanno bisogno di risposte e non di sole buone intenzioni. Tutti dovranno impegnarsi per quanto di competenza e non come spesso accade scaricare il barile l’un l’altro, fare demagogia e conseguentemente lucrare consensi politici.

Credo che oggi, con il consenso di tutti, si apra una fase storica per il futuro della nostra provincia.

Fonte: Albengacorsara.it

  Versione Stampa   Invia  
Made in Italy, confagricoltura: effetti gravi dall’embargo russo
Notizia del 05/03/2019

“Le conseguenze economiche dell’embargo della Russia sulle importazioni di prodotti agricoli e dell’industria alimentare sono molto pesanti per l’Italia. Dall’entrata in vigore del divieto di importazione di molti prodotti agricoli e dell’industria alimentare, il valore annuo delle esportazioni italiane (confronto 2018 su 2013) risulta ridotto di 153 milioni di euro (-22%), dopo aver raggiunto nel 2015 la punta di 324 milioni di euro”. Lo rileva il ...

 

Distretti made in Italy, Chanel punta sui leader
Notizia del 26/02/2019

Didier Bonnin Castellarin, alla guida della filiera calzature del gruppo francese, racconta la strategia di integrazione dei fornitori. Obiettivo: il patrimonio artigianale. Dare continuità a un savoir-faire che è da sempre al servizio della creatività. È questo l’obiettivo su cui Chanel investe dal 1985, anno in cui ha avviato acquisizioni che guardano al patrimonio artigianale di realtà d’eccellenza. In questo modo la maison dalla doppia C si ass...

 

Sardegna, pastori in piazza per prezzo del latte: blocchi stradali, assalto a caseificio e il Cagliari Calcio si unisce alla protesta
Notizia del 11/02/2019

Protesta degli allevatori per il prezzo del latte ovino e caprino: chiedono un euro al litro, viene pagato tra i 44 e i 55 centesimi. Un gruppo di allevatori si è presentato davanti ai cancelli del centro sportivo di Assemini: "Non andate a Milano". I calciatori scendono dal pullman e sversano il latte. Bloccate diverse strade statali, autocisterne in viaggio sotto scorta. Vetri rotti nel più grande caseificio della regione. Coldiretti: "Pagati un'elemosina"   Il Cagliari Calcio prima bloccato nel centro di Assemini e poi al fianco dei pastori: con i calciatori che scendono dal pullman e ...

 

SISTEMA PRODUTTIVO RILANCIO DEL MADE IN ITALY NEI CENTRI STORICI TRA OSPITALITA’, DISTRETTI PRODUTTIVI E OUTLET
Notizia del 09/01/2019

SISTEMA PRODUTTIVO RILANCIO DEL MADE IN ITALY NEI CENTRI STORICITRA OSPITALITA’, DISTRETTI PRODUTTIVI E OUTLET ...

 

Da Versace a Candy, le mani estere sul Made in Italy
Notizia del 03/01/2019

Moda, componenti per autoveicoli, elettrodomestici e treni. Il 2018 per i gruppi stranieri è stato un anno di shopping intenso in Italia e nel corso dell'anno è continuata la fuga di marchi del Made in Italy verso l'estero. Versace, Yoox Net-A-Porter e La Perla sono alcuni dei nomi del fashion finiti oltreconfine. Ma gli acquirenti stranieri non si sono fermati alla moda, conquistando società industriali come Italo, Magneti Marelli e Candy. Uno shopping che è testimonianza della qualità delle aziende italiane, dinamiche e innovative. Ma anche dell'assenza di ...

 

MADE IN ITALY DAY 2018 - Scegli prodotto Italiano, Acquistalo nei centri storici
Notizia del 13/12/2018

Un giorno per fermarsi a riflettere e ricordare il valore del Made in Italy.Un giorno per guardarsi intorno e riscoprire che il bello , il particolare, l'affascinante il funzionale Italiano è ancora tra noi nelle cose , negli atti e nelle sensazioni del vivere quotidiano.Un giorno per riscoprire tutto ciò e dargli la giusta considerazione.Alle Imprese, agli Enti, alle Organizzazioni ed alla Stampa chiediamo di condividere questa iniziativa, perché nel futuro la creatività e la capacita manifatturiere Italica conservi il giusto ruolo e possa permanere come nostro elemento di eccellenza con ...

 

TAVOLI PERMANENTI PMI ,MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO
Notizia del 13/12/2018

  Video:  TAVOLI PERMANENTI PMI MINISTERO SVILUPPO ECONOMICO  Gentile Imprenditore,nei giorni scorsi il Ministero dello Sviluppo Economico ha invitatoquesta Organizzazione a partecipare al tavolo di consultazione delle Micro, Piccole e Medie Imprese al fine di poter manifestare e rappresentare difficoltà , aspettative e proposte del sistema produttivo.Abbiamo accolto con favore tale iniziativa.Il Ministro Luigi Di Maio ci ha comunicato che è prevista l'attivazione di 5 tavoli tecnici nell'ambito dei quali saranno discusse e approfondite questioni c...

 

L'etichetta made in Italy non interessa ai consumatori globali
Notizia del 12/12/2018

La parola “cibo” evoca l’Italia nella mente di tre persone su quattro in giro per il pianeta. Un bel vantaggio reputazionale per le nostre imprese della filiera agrifood, quando si decideranno a sfruttare appieno le loro potenzialità sui mercati internazionali (oggi esporta appena il 15% delle aziende e le vendite oltreconfine sono di 40 miliardi di euro a fronte di un italian sounding che vale oltre il doppio). Ma non è sull’etichetta “made in Italy” che possono fare affidamento, perché meno di un consumatore su tre guarda il marchietto...

 

La solitudine dell’impresa: aumentano le chiusure, ma nessuno se ne preoccupa
Notizia del 06/12/2018

«Non conosco nessuno che stia investendo». Edoardo Nesi, scrittore pratese, ha creato la figura di Ivo Barrocciai che ritorna più volte nei suoi libri e gli serve per raccontare i fasti ma anche la solitudine del mestiere di imprenditore. «Quelli che conoscevo io, a fine serata restavano a guardare i loro macchinari con un senso di orgoglio, vedevano una costruzione che funzionava grazie ma anche senza di loro. Ecco questa figura si va perdendo. C’era la sensazione di contribuire a un sistema sociale e oggi non più». Secondo Nesi l’imprenditore...

 

Milano prima meta al mondo per lo shopping dei turisti
Notizia del 28/11/2018

Quando si parla di shopping, Milano è la destinazione per eccellenza dei turisti, davanti a Parigi, Londra e New York. Il capoluogo lombardo è anche la città dove si spende di più, se confrontata con le altre maggiori destinazioni italiane ad alto tasso di turisti: 118 euro la spesa per un soggiorno, contro i 113 euro di Firenze, i 108 euro di Roma e i 60 euro di Venezia. Lo rivela il rapporto Shopping Tourism Italian Monitor, curato dalla società di ricerche Risposte Turismo e presentato oggi a Firenze, in occasione della seconda edizione di «Shoppin...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

direzione@madeinitaly.org
Siti collegati
Info