MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Vietnam: Paese Rivelazione nei mercati internazionali

A Bologna il roadshow organizzato per illustrare le opportunità nell’emergente paese asiatico. Quasi cento imprenditori al convegno ed ai tavoli tematici. Tra i relatori Lorenzo Angeloni, Ambasciatore d’Italia ad Hanoi

 

Il Viet Nam è sempre più una rivelazione per i mercati internazionali, una piattaforma produttiva dove investire e da cui avviare una presenza graduale sui mercati dell’Asia. E’ questa la carta di identità dell’emergente paese asiatico tracciata nella sede di Unioncamere Emilia-Romagna dove si è concluso il roadshow informativo organizzato da Unido, Ministero degli Esteri, Ministero dello Sviluppo Economico/Direzione Generale Lotta alla Contraffazione-UIBM, Confindustria, in collaborazione con il Sistema camerale.

 

Quasi cento imprenditori della regione hanno potuto conoscere attraverso le relazioni del convegno al mattino ed i tavoli tematici su specifici settori produttivi, tutte le opportunità di un mercato estremamente dinamico.

Con una popolazione di 88 milioni di abitanti (il 70% dei quali sotto i 35 anni), il mercato vietnamita è caratterizzato infatti da una sempre più elevata domanda di beni di consumo, soprattutto stranieri, e di potere d’acquisto. Il Vi?t Nam è uno dei paesi con il più alto livello di sviluppo al mondo: negli ultimi anni il Pil è aumentato complessivamente del 30% e l’ingresso nel Wto, nel 2007, ha prodotto un incremento della propensione all’internazionalizzazione.

 

L’opportunità di investire in Viet Nam deve essere valutata in una prospettiva di medio termine poiché dal 2015 il Paese farà parte della più grande area di libero scambio del mondo.

L’ambasciatore italiano in Vietnam, Lorenzo Angeloni, dopo aver letto un messaggio del Ministro degli esteri Giulio Terzi, ha spiegato perché le imprese italiane devono guardare al paese asiatico come terra di opportunità.

 

“Da 25 anni il Viet Nam si è aperto al mondo con le riforme che hanno trasformato un sistema pianificato in una economia di mercato aperta – ha detto l’ambasciatore Angeloni – Il traguardo che si è posto di raggiungere lo status di paese industrializzato nel 2020 dimostra un concreto interesse ad attirare investimenti di qualità. L’Italia è pronta a rispondere perché può offrire tecnologia e know how. Produrre in Viet Nam significa anche poter esportare il 90% dei prodotti a dazio zero verso la Cina. Inoltre, importanti sono le agevolazioni fiscali per gli investimenti. Il costo del lavoro è nettamente inferiore, la popolazione è giovane e qualificata, ci sono stima e simpatia per l’Italia di cui si apprezzano cultura e prodotti. E’ una empatia che può dare buoni frutti”.

 

Le imprese italiane hanno diverse carte da giocare per cogliere le numerose possibilità di investimento e collaborazione commerciale-produttiva.

“Abbiamo molte cose in comune – ha ribadito Hoang Long Nguyen, vicedirettore per l’Europa del ministero degli affari esteri del Vietnam – Esportiamo prodotti in tutto il mondo, compresa l’Italia da cui possiamo importare tecnologia all’avanguardia. Guardiamo con interesse al know how ed alla rete delle Pmi italiane come modello che può contribuire al allo sviluppo in termini di assistenza tecnica alle piccole e medie imprese vietnamite”.

 

Per tipologia di attività e produzioni, le imprese emiliano-romagnole sono al secondo posto tra le più interessate al mercato vietnamita, appena dopo quelle lombarde nei settori della meccanica, arredamento-elettrodomestici, abbigliamento. L’esigenza di potenziamento delle infrastrutture in Vietnam apre frontiere per le imprese di costruzioni, mezzi di trasporto e apparecchiature per energia.

“Negli ultimi anni, i rapporti commerciali hanno fatto segnare un notevole incremento –conferma Ugo Girardi, segretario generale di Unioncamere Emilia-Romagna - nel 2011, l’export dell’Emilia-Romagna verso il Vietnam è stato di oltre 102 milioni di euro (+17,2% rispetto al 2010) di cui circa la metà rappresentato dalla meccanica, mentre l’import è stato pari a 416 milioni di euro (+22,3% rispetto al 2010)”.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
Luxury the world
2015-01-01
Image
Politica, moda e sport In campo la lobby del
2015-01-01
Image
Confartigianato contraria al congelamento della legge a tutela del "made in Italy", il presidente Dutto: "Troppo presto per dire che
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.