MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

I nuovi piani per l'export

Settori strategici del made in Italy e Paesi dove le stime promettono per i prossimi anni maggiori margini di crescita. Saranno queste le priorità del nuovo assetto per l'internazionalizzazione che il ministero dello Sviluppo economico sta mettendo a punto con l'apporto della cabina di regia costituita dopo la temporanea soppressione dell'Istituto per il commercio estero.
Un rapido dietrofront ha permesso di ricostituire l'Ice, nella veste di Agenzia e con un formato molto più snello (300 unità cioè meno della metà rispetto al vecchio assetto), e adesso si può entrare nella fase operativa. Venerdì scorso il consiglio dei ministri, su proposta del titolare dello Sviluppo economico Corrado Passera, ha nominato il consiglio di amministrazione della nuova Agenzia: Riccardo Maria Monti, proveniente dalla società di consulenza Value Partners, Paolo Zegna, vicepresidente per l'internazionalizzazione di Confindustria, l'ambasciatore Maurizio Melani, l'amministratore delegato di Inalca e vicepresidente di Assocarni Luigi Pio Scordamaglia, il professor Giuseppe Mazzarella. Riccardo Monti sarà con ogni probabilità il nuovo presidente al quale andrà il compito, insieme a un direttore generale che proverrà dall'attuale staff Ice, di ridefinire la "mission" dell'Agenzia. Il ministro Passera ha già le idee chiare: il campo d'azione dovrà essere più ristretto, concentrando risorse e progetti nei Paesi in cui i settori di punta del made in Italy - legno-arredamento, moda e calzature, macchine utensili, agroalimentare eccetera - hanno maggiore visibilità e opportunità di ulteriore crescita. Più presenza nei mercati emergenti o in Nord America, in sostanza, e strategie più "light" nei mercati maturi dove le aziende del made in Italy possono arrivare anche da sole. Scelte che, secondo il ministero di via Veneto, sono tra l'altro suffragate dai numeri che a gennaio hanno visto le esportazioni extra Ue crescere del 4,8% tendenziale con picchi come il +21,7% della Russia e il 15,4% dei Paesi Opec: in vista c'è dunque un sostanziale cambio di approccio, da abbinare alla ridefinizione della pianta degli uffici all'estero dell'Agenzia che da 92 potrebbero scendere fino a 75. La nomina del cda dovrebbe accelerare il processo di avvio della nuova Agenzia nonostante manchino ancora alcuni tasselli fondamentali come il nuovo Statuto e la ripartizione dei vecchi dipendenti tra la stessa Agenzia (300 unità) e il ministero dello Sviluppo economico.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
L'innovazione nelle mani: il futuro è nell'artigianato
2015-01-01
Image
"Le istituzioni non aiutano il Made in Italy": parola di MoMa e di Missoni
2015-01-01
Image
Roma, blitz anticontraffazione cinese: sequestri per 1,8 mln
2015-01-01
Image
Italian sounding
2015-03-05
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.