MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Agroalimentare: 24 Amministrazioni si schierano in difesa Made in Italy, stop allo scippo

Ventiquattro amministrazioni locali aderiscono all'invito di Coldiretti in difesa del Made in Italy agroalimentare. L'appello lanciato dall'organizzazione agricola (info su www.pisa.coldiretti.it) a protezione e tutela dei prodotti agroalimentari simbolo del paniere italiano (e toscano) contro la diffusione di prodotti che traggono in inganno circa la vera origine geografica e raggirano i consumatori, che non possono così scegliere in modo consapevole, è stato prontamente accolto e fatto proprio da tutti i comuni della Provincia di Pisa che hanno approvato all'unanimità un ordine del giorno a tutela del Made in Italy. Tra i primi a rispondere all'appello la Provincia di Pisa, tramite l'Assessore all'Agricoltura, Giacomo Sanavio e la Camera di Commercio con uno specifico provvedimento adottato dalla Giunta seguiti dai Comuni - 24 su 39 - che hanno proceduto all'approvazione dell'ordine del giorno, condividendone appieno i contenuti ed impegnandosi a sostenere l'azione che Coldiretti ai diversi livelli proseguirà.
E' arrivata così ad uno snodo fondamentale l'attività di sensibilizzazione di Coldiretti che sta conducendo, nei confronti dello "scippo" perpetuato dal cosiddetto Italian Sounding, ovvero la diffusione di prodotti che traggono in inganno il consumatore "sfruttando" l'evocazione della provenienza geografica, addirittura l'etichetta con la bandiera tricolore che sventola orgogliosa fino al packaging (la confezione). "Ma di italiano - commenta Aniello Ascolese, Direttore Provinciale Coldiretti - hanno ben poco. Questo scippo ci costa 60 miliardi di euro l'anno". Una mobilitazione, quella a difesa del Made in Italy, in perfetto stile Coldiretti "perché l'obiettivo - spiega ancora Ascolese - è coinvolgere, far partecipare, partendo dalle istituzioni per giungere all'opinione pubblica e ai consumatori. Sono proprio loro, i consumatori, i primi a sostenerci nel nostro progetto sulla Filiera agricola tutta italiana firmata dagli agricoltori".
Sullo sfondo dell'agitazione di Coldiretti la denuncia del "caso Simest" da parte del Presidente Nazionale, Sergio Marini, sull'impiego improprio di risorse pubbliche da parte della controllata dal Ministero dello sviluppo economico, destinate a finanziarie direttamente o indirettamente la produzione o la distribuzione di prodotti alimentari che non hanno nulla a che fare con il tessuto produttivo del nostro Paese. "La difesa del Made in Italy e quindi di tutto l'agroalimentare italiano - continua Ascolese - non è una questione esclusivamente agricola, ma è un principio a difesa della economia nazionale, di tanti posti di lavoro, delle nostre tradizioni e del nostro territorio. Abbiamo trovato una grandissima attenzione, partecipazione e disponibilità da parte dei soggetti che hanno deciso di sostenere la nostra battaglia: l'Italian Sounding, ma possiamo parlare ormai di Tuscany Sounding visto che nell'immaginario collettivo internazionale pensare all'Italia significa pensare alla Toscana, produce un danno economico alle nostre imprese e alla nostra economia. Ogni giorni ci rubano un pezzo della magia del nostro paese e questo non possiamo permetterlo".
Ecco i comuni che hanno firmato l'ordine del giorno: Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Crespina, Lajatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, Santa Maria a Monte,Terricciola, Riparbella, Pomarance, Castelnuovo Val di Cecina, Gurdistallo, Monteverde M.Mo, Montopoli in Val d'Arno, Cascina e Orciano Pisano.

Fonte: VinieSapori.net

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
Commercio estero: Coldiretti, +8% pasta made in Italy all'estero
2015-01-01
Image
Made in Italy, il futuro si gioca sul territorio
2015-01-01
Image
MADE IN ITALY: MINISTRO ROMANI GUIDA MISSIONE IN MONGOLIA
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.