MadeinItaly.org\Osservatorio -
2015-01-01

Il made in Italy in rialzo grazie ad i paesi extra europei

Giungono buone notizie per il comparto export italiano in relazione ai risultati raggiunti nel 2011. Ed il merito è della domanda sempre crescente dei paesi extra europei per i prodotti made in Italy. Da quando si evince dai dati istat nel novembre 2011 le esportazioni aumentano sono del 2,3% su base congiunturale mentre l'import sale dello dello 0,5 %. La crescita tendenziale delle esportazioni a novembre (+6,5%) presenta diversi

 

differenziali per area di sbocco: +3,1% per l'Ue e +11,3% per l'extra Ue.
Mentre gli acquisti dall'estero aumentano dello 0,5%, dato che risente del calo dell’importazione dai Paesi Ue (-2,1%) compensato da un aumento (+3,9%) di quelli dai Paesi extra Ue.

Considerando il periodo gennaio-novembre 2011 si palesano tassi di crescita tendenziali leggermente superiori per l'export (+11,9%) rispetto all'import (+10,6%), con aumenti più consistenti per i mercati extra Ue. A novembre la dinamica tendenziale dei volumi é positiva per l' export (+0,4%) e in forte diminuzione per l'import (-8,5%). Durante l’anno sono cresciuti (+4,3%) i volumi esportati e si sono ridotti (-0,4%) quelli importati. La crescita tendenziale dei valori medi unitari a novembre si é attestata al 10% per l'import e al 6,2% per l'export.

Il differenziale commerciale di novembre é quantificabile in 1,6 miliardi di euro. Nei primi undici mesi il deficit ha toccato i 25,8 miliardi, dato in miglioramento rispetto al 2010 (-27 miliardi). Nello stesso periodo, il saldo non energetico (+30,5 miliardi) é stato forte aumento a confronto del 2010 (+19,6 miliardi), mentre quello energetico sale a 56,3 miliardi dai 46,6 miliardi del 2010. Sempre nel di novembre i settori più dinamici sono stati quelli energetici per l'import (+17,2%), dei beni di consumo non durevoli per l'export (+10,1%) e per l'import (+8%) e quelli intermedi per l'export (+8,4%). Risulta in calo l'import di beni di consumo durevoli e di input intermedi e strumentali.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Linkedin
Il Giappone vuole il made in italy
2015-01-01
Image
CASTELLANO (SACE): SOSTENERE IL MADE IN ITALY PURCHE' ABBIA UN RITORNO
2015-01-01
Image
A Firenze 100 imprenditori giovani laziali rivendicano ruolo da protagonista, difesa made in Italy sfida del futuro
2015-01-01
Image
STOP ALLA NORMA ANTI-DESIGN
2015-01-01
Image

Richiedi informazioni su Madeinitaly.org

Compilando il form riceveremo il tuo interessamento, la segreteria informativa vi ricontatterà per programmare una call conoscitiva

Nome Azienda
Nome Referente
Email Referente
Sito Web
Whatsapp
Nazione
Note
Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 e ss. del Regolamento (UE) 2016/679, con la sottoscrizione del presente modulo acconsenti al trattamento dei dati personali secondo le modalità e nei limiti di legge e considerati come categorie particolari di dati.

Accreditamento CNEL, n.89 del 16/04/2004
Accreditamento MISE TEM_00000037

Palazzo Produttori

Via Carlo Cattaneo,1
63900 Fermo, FM
Italia

Contatti

+39 (0)734 60 54 84
[email protected]
L'iniziativa è promossa e soggetta al controllo dell'Istituto Tutela Produttori Italiani.

©Copyright© 1992 - 2024. Tutti i diritti riservati.