OSSERVATORIO MADE IN

Venerdì, 17 Novembre, 2017

Bruxelles, l’Italia compra sede Mps per 13,5 milioni e vende l’Istituto di Cultura che dal 2018 finirà dentro un container

Notizia del 27/03/2017

Chi lo bolla come un “soccorso rosso” a Monte dei Paschi, chi come un velenoso sgarro ai tecnocrati di Bruxelles. Di sicuro è una scelta che rischia di farci fare una pessima figura proprio nel cuore dell’Europa, minando anche l’ultima cosa su cui ci fanno ancora credito: la cultura. E’ ufficiale: il Ministero degli Esteri ha deciso di vendere anche la sua storica palazzina in rue de Livourne 38 che ospita da sempre consolato e Istituto di Cultura di Bruxelles per trasferirli insieme all’ambasciata in una palazzina di sei piani che ha comprato da Monte Paschi in rue Joseph II, al civico 24, una zona adiacente al Parlamento Europeo. A parte la cifra d’acquisto, 13,5 milioni di euro, l’operazione risponde a una logica funzionale ma finisce per liquidare la Cultura come una Cenerentola qualsiasi, non come il famoso “volano dell’internazionalizzazione” che tutti – a parole – invocano. Invece si vende il gioiello di famiglia e per uno zircone: un cubo di cemento senza neppure le finestre.


La sede attuale in rue di Livourne è una splendida maison de maître – nel cuore di Bruxelles, nella zona più dinamica e “viva” della città – costruita negli ultimi decenni dell’Ottocento e divenuta nel 1932, grazie all’iniziativa di alcune fra le maggiori imprese dell’epoca (Olivetti, Fiat, Pirelli), la “Casa d’Italia”. Lo Stato l’ha riscattata dopo la Guerra impegnandosi a mantenere integro il patrimonio. Gli interni furono decorati da artisti italiani e ospitano oggi, oltre agli uffici e alle aule per i corsi, una magnifica biblioteca (circa 18mila volumi), un’ampia sala adibita alle conferenze e alle mostre, un teatro per 350 persone destinato ai grandi eventi (tra i tanti ospiti illustri, Francesco Rosi, Alberto Moravia, Dino Risi, Italo Calvino…) o all’appuntamento settimanale con la proiezione di film italiani.

Dove finirà il blasonato istituto di cultura? Nel cortile della palazzina ex Monte Paschi, dentro un anonimo prefabbricato di due piani senza finestre e di dimensioni ben più modeste delle attuali, neppure visibile dall’esterno (foto). Appena divenuta di dominio pubblico, la notizia è stata ripresa da diversi quotidiani. Si mobilitano intellettuali e docenti belgi e italiani. La Liberté titola: “La Culture italienne a Bruxelles assassiné”.  E nell’occhiello: “Le attività culturali troveranno posto in un cubo di cemento senza finestre usato come passaggio dai dipendenti”. Una petizione al ministro degli Affari Esteri Angelino Alfano è stata lanciata per iniziativa di Claudio Gigante, professore di letteratura italiana all’Università francofona di Bruxelles (ULB) e si trova anche su Change.org: “Salvate il più importante istituto culturale estero di Bruxelles”.


Il trasferimento è previsto nell’estate 2018. C’è ancora tempo, dunque, per un ripensamento. A parte le incognite sui valori dell’operazione (le vecchie sedi sono ancora da vendere), la scelta di liquidare una tradizione e un luogo simbolo dell’italianità per confinarli in un container è un duro colpo per la comunità di connazionali a Bruxelles. Che constatano, viceversa, come altri Paesi  – la Germania con il Goethe Institut ma anche la Spagna – si stanno muovendo nella direzione esattamente opposta di investire somme importanti sulle sedi e sui servizi degli istituti di cultura. Potenti veicoli delle tradizioni e dell’industrie nazionali. Per chi non li rottama.

Bruxelles e le altre operazioni immobiliari in corso saranno oggetto della prossima riunione plenaria del Consiglio Generale degli Italiani all’Estero (CGIE), che è organo consultivo di Governo e Parlamento. “Da alcuni anni – spiega il segretario Michele Schiavone – il Ministero ha incominciato ad alienare beni demaniali all’estero rimasti vuoti in seguito alla chiusura di sedi di rappresentanza consolare e di istituti di cultura. È il caso delle sedi consolari di Monaco di Baviera, di Lugano, di Marsiglia, della casa d’Italia di Lucerna e di ulteriori immobili sparsi nel mondo e contenuti in una lista, che ne prevede oltre quaranta”. Interventi di cura dimagrante motivati dal recupero del gettito programmato nella tabella VI del bilancio dello stato. Il recupero finanziario triennale programmato indica delle somme che si aggirano attorno ai venti milioni di euro annui. “Intanto si sta andando oltre la vendita delle strutture non più utilizzate e si assiste a decisioni opinabili sulla dismissione insensata di immobili, che danno il senso di una svendita della gioielleria di famiglia che rifugge qualsiasi interlocuzione con la rappresentanza civile e politica degli italiani all’estero”.

  Versione Stampa   Invia  
Milano, apre Garage Italia: la «dolce vita» dell’ex Agip. I 2.000 invitati di Lapo mandano in tilt viale Certosa
Notizia del 09/11/2017

«Dolce vita 4.0». Luci tricolori all’esterno. Ambienti blu navy e Led avveniristici. Atmosfera futurista per l’apertura di «Garage Italia», nuovo hub creativo in piazzale Accursio all’interno dell’iconica ex stazione Agip Supercortemaggiore, restaurata dallo studio dell’architetto Michele De Lucchi.Il padrone di casa, vestito in completo bianco, è Lapo Elkann, direttore del progetto. I suoi ospiti sono arrivati da tutto il mondo. Li ha...

 

Ho fatto questo vestito ma non mi hanno pagato". I bigliettini di protesta nei capi di Zara
Notizia del 07/11/2017

Istanbul, i dipendenti di un fornitore sono rimasti dalla mattina alla sera senza lavoro: hanno riempito i vestiti in vendita di volantini che stanno facendo il giro del mondo MILANO - "Ho fatto questo capo che stai per comprare, ma non sono stato pagato per questo". Con questa singolare e riuscita protesta, i lavoratori di una società fornitrice di Zara hanno generato grande attenzione intorno al loro caso: una storia che arriva da Istanbul e sta rapidamente conquistando la rete.Ha...

 

Difendere il Made in Italy: nasce "Filiera Italia", tra i fondatori Coldiretti e Giorgio Tesi Group
Notizia del 06/11/2017

L'eccellenza pistoiese Giorgio Tesi Group, azienda leader del florovivaismo italiano ed europeo, è tra i fondatori di 'Filiera Italia', la nuova realtà associativa che mette insieme agricoltura e industria alimentare italiane, per sostenere e difendere il Made in Italy.Promossa da Coldiretti, Ferrero, Inalca/Cremonini e Consorzio Casalasco (Pomì e De Rica) 'Filiera Italia' ha tra i soci fondatori insieme a Giorgio Tesi Group altre grandi ed importanti aziende italiane: Bonifiche Ferraresi, Ocrim, Farchioni Olii, Cirio agricola, Donna fugata, Maccarese, Ol.MaTerre Moretti (...

 

Made in Italy. Il ristorante italiano, da quo vado
Notizia del 17/10/2017

IL CIBO NEI FILM. Come cucinano la pasta all'estero? Una scena esilarante dal film Quo Vado con Checco Zalone ...

 

E' tutto un magna magna Max Laudadio di Striscia la Notizia ci parla di prodotti 'Made in Italy'
Notizia del 10/10/2017

Max Laudadio, giornalista di Striscia la Notizia, nella nuova rubrica, "è tutto un magna magna" parla del Made in Doganale e dei magheggi operati da aziende europee per l'importazione e rietichettatura dei prodotti di origine extraUe, in particolar modo nel settore agroalimentare.Di Seguito il link:  ...

 

Dal recupero dei centri storici alla banda larga: approvata la legge per salvare i piccoli comuni
Notizia del 28/09/2017

È legge. Con 205 voti a favore e nessun contrario. Il provvedimento “Salva borghi” ha ottenuto finalmente il via libera a Palazzo Madama dopo l’ok già ottenuto a Montecitorio. Insomma, «un bella giornata per l’Italia» per dirla con le parole del deputato Dem, Ermete Realacci, primo firmatario della legge. Anche perché i piccoli comuni, definizione che ricomprende tutti quelli al di sotto dei cinquemila abitanti, sono 5.591 e rappresentano il 69,9% dei Comuni italiani. Occupano il 54% del territorio nazionale, e sono il luogo in cui vivon...

 

Un'auto elettrica tutta made in Bari La vettura sarà presentata in Fiera
Notizia del 18/09/2017

Prima l’esposizione del prototipo in Fiera del Levante (nell’ambito dell’81esima Campionaria, di scena dal 9 al 17 settembre prossimi), poi la produzione che sarà attivata entro fine anno nell’ex stabilimento della Om Carrelli Elevatori: la prima auto made in Bari è sempre più vicina. Tanto che «Tua Industries», società facente capo al fondo d’investimento statunitense Lcv Capital Management (società di gestione fondi che fa capo a De Visconti e Bonidy), ha già «sistemato le carte» per pre...

 

Ritrovare il gusto del lavoro ben fatto
Notizia del 15/09/2017

Da: corriere.it -   Lo dico al Corriere Caro Aldo, mi ha colpito la lettera della mamma che piange sui sogni infranti dei giovani che devono superare il numero chiuso all’università. La mia generazione a 17-18 anni, salvo pochi casi, lavorava: alcuni studiavano di sera; altri facevano il doppio lavoro. La parola «sogni» non esisteva. Troppe università sono una fabbrica di frustrati. La storia della Statale di Milano è emblematica: piena di gente che tra qualche anno, con un foglio di carta in mano, pretenderà un lavoro adegua...

 

Make up e prodotti da uomo, così il Made in Italy conquista gli americani
Notizia del 07/08/2017

Gli Stati Uniti sono un grande mercato per il Made in Italy del Beauty con un valore pari a 406 milioni di euro e una terza posizione nel 2016, dopo Francia e Germania, tra le destinazioni delle esportazioni italiane di cosmetici, con una notevole crescita del 24,4% rispetto al 2015. Questo valore rappresenta l'87,6% delle esportazioni nell'area Nafta (Canada, Messico e Stati Uniti).Il make up italiano conquista gli americaniSul mercato USA il make up made in Italy è al primo posto tra i più venduti, con un valore superiore ai 106 milioni di euro, pari al 27% dell'export italiano...

 

È made in Italy l’85% delle etichette di fascia alta online
Notizia del 04/08/2017

E' “made in Italy” l’etichetta più sfoggiata online dai marchi del lusso internazionale: l’85% dei prodotti di altagamma dei quali viene segnalata l’origine sul Web è infatti prodotto in Italia. Il predominio emerge da uno studio di Contactlab che ha analizzato il livello di trasparenza online di 29 brand del lusso. «Dall’analisi delle schede prodotto di 55mila articoli – spiega Marco Pozzi, Strategy & Organization Advisor presso Contactlab e autore della ricerca – abbiamo rilevato che solo il 30% dei prodotti di lusso on...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

direzione@madeinitaly.org
Siti collegati
Info