OSSERVATORIO MADE IN

Giovedì, 6 Agosto, 2020

Il futuro non è nell

Notizia del 04/01/2016

Sono appena trascorsi otto anni dall’inizio della crisi mondiale, se si prende come data di riferimento quella della bancarotta della Lehman Brothers. Da allora la gran parte dei commenti degli “esperti” è rimasta nell’ambito di una spiegazione tradizionale, cioè ha esaminato la situazione — che si prolunga ormai da tempo — come effetto di un “normale” avvicendamento di cicli di caduta e di crescita. Cioè siamo effettivamente in caduta, dopo – state tranquilli – ci sarà la crescita.

Ma sono molte le voci che dicono ormai che l’economia mondiale sta incontrando problemi molto più seri che quelli ciclici. Il ciclo classico era simile a un spirale ascendente. Questo ha l’aspetto di un circolo vizioso, che ritorna su se stesso. Il problema è come uscirne. Il sapere economico convenzionale ripropone una politica monetario-creditizia. Tuttavia in questi sette anni, tutti i tentativi di rimettere in moto la macchina con i tradizionali sistemi non hanno funzionato.

La bassissima crescita in tutti i Paesi industrialmente sviluppati influisce sui Paesi che definiamo “in via di sviluppo”. E questo, a sua volta, deprime le prospettive generali di uno sviluppo della produzione industriale globale.

In queste condizioni è evidente il rischio di una recessione globale. E’ possibile evitarla con qualche manovra finanziaria globale? Per esempio con la riduzione dei tassi d’interesse fino nei pressi immediati dello zero, come stanno facendo l’Europa, il Giappone e, fino a qualche giorno fa gli Stati Uniti? La recente inversione di tendenza, effettuata da Washington con l’aumento dei tassi d’interesse sembra piuttosto una scommessa che una strategia. Scommessa per stimolare la domanda, vero buco nero, ma non accompagnata da alcuna riforma strutturale della finanza globale. Ma è piuttosto probabile che questa decisione aggraverà drammaticamente un fenomeno che è già in corso: la fuga di capitali dai Paesi in via di sviluppo verso i Paesi industrialmente avanzati. Le cifre lo rivelano. Dal 2002 al 2014 si era registrato un flusso netto di denaro dai paesi sviluppati ai meno sviluppati, che era passato da 240 miliardi $ a 1,1 trilioni. Tendenza chiara che indicava come la finanza dei “ricchi” andava a investire nell’economia dei “poveri”. Per estrarne altra ricchezza, ovviamente.

Questa tendenza si è bruscamente invertita nel 2015. Per giunta modificando un trend che durava, nel complesso, da oltre trent’anni. In un solo anno oltre un trilione $ è ritornato ai paesi “ricchi” partendo dai paesi “poveri”. La decisione della Fed aggraverà questo fenomeno il cui significato è tanto chiaro quanto inquietante. I capitali non trovano, nei mercati in via di sviluppo, luoghi e occasioni per aumentare. Si tratta ora di vedere se troveranno occasione di farlo all’interno dei mercati “ricchi”. Ma non sembra, perché neanche nei paesi industrializzati la domanda cresce.

Le previsioni del Fondo Monetario Internazionale confermano questa valutazione. Tre anni fa c’era molto più ottimismo. Adesso si calcola che il tasso di crescita del Pil nell’anno 2020, sarà, per gli Stati Uniti, del 6% inferiore a quello pronosticato; per l’Europa sarà inferiore del 3%; per la Cina meno del 14%; per i paesi in via di sviluppo sarà inferiore del 10%. In sintesi la crescita del Pil del mondo sarà del 6% in meno di quanto pronosticato nel 2012.

Queste previsioni vanno di pari passo con quelle dell’inflazione. Secondo Larry Summers (ottobre 2015) nel periodo 2020-2025 l’inflazione nel paese più dinamico, cioè gli Usa, sarà attorno all’1,5%, molto al di sotto delle previsioni ufficiali. Nessuna delle banche centrali pensa di superare il 2%. La differenza tra i tassi d’interesse e l’inflazione è “straordinariamente bassa”. “L’attuale previsione per i prossimi dieci anni, per quanto concerne i paesi industrialmente sviluppati, dice che il tasso d’interesse sarà circa zero”.

Ne consegue, sempre secondo Summers, che “in presenza di tassi così bassi, la possibilità di un surriscaldamento dell’economia sarà molto bassa”. E l’economia mondiale si troverà nelle condizioni di bassa crescita, bassa inflazione, tassi eguali a zero, cioè le condizioni della piena stagnazione.

La diagnosi di Summers (e quanto sia importante la sua valutazione pubblica è evidente dalla sua influenza sui mercati americani) è drammatica. “I più grandi mercati del mondo ci stanno dicendo con forza sempre crescente che ci troviamo ora in un mondo diverso a quello cui eravamo abituati. Che gli approcci tradizionali che puntano su una finanza pubblica moderata, su un incremento monetario e sul freno all’inflazione ci portano verso il disastro. Inoltre, il principale strumento per contrastare la contrazione, cioè la politica monetaria, è in gran parte fuori gioco e sarà ancora meno efficace quando la contrazione sarà già attiva”.

Ma neanche Summers riesce a dire ciò che dovrebbe essere detto. Forse perché non esce dallo schema finanziario che è nella sua testa e nella testa di tutti i mercati. E cioè che ci sono eventi, nella vita reale, che non possono essere influenzati da alcuna politica finanziario-creditizia. Il riscaldamento planetario — Parigi è appena terminata con un nulla di fatto — dice appunto che il mondo di Summers non è più quello cui era abituato. E con lui tutti noi. La “mappa del denaro” (uso qui il titolo di un futuro, straordinario libro di Luigi Sertorio) non ci può più condurre alla crescita senza confini, cioè “all’isola che non c’è”. Stanno apparendo all’orizzonte i “limiti della crescita”, cioè l’impossibilità fisica di rappacificare la pure immensa potenza del denaro (infinito) con la soverchiante potenza della Natura (per quanto finita).

E’ un livello della contraddizione che presenta una complessità superiore alle forze concettuali dei mercati, e, dunque, che non può essere risolto da loro. Il compito del futuro sarà quello di organizzare le forze intellettuali esistenti nelle diverse civiltà, e nelle diverse discipline, capaci di lavorare a questo livello di complessità.

  Versione Stampa   Invia  
22.12.2016 - Apertura My Italy - Primo Fashion Store Promo Testing
19.12.2016 - Ligabue - Made in Italy
24.11.2016 - STOP AL FALSO MADE IN ITALY - Petizione 14 Dicembre - Made in Italy Day
15.11.2016 - Londra: divieto di accesso nel cuore della città alle grandi catene
03.11.2016 - Valente, una sfida vinta «Il made in Italy garantito dalle nuove etichette»
31.10.2016 - Workshop Rungis, Francia - COMUNICATO
26.10.2016 - COMUNICATO STAMPA - Missione Accreditamento Tokyo 2016
21.10.2016 - COMUNICATO STAMPA - Missione Accreditamento Dubai 2016
12.10.2016 - Lo scandalo del Finto Biologico scoperta dai giornalisti di Report
22.09.2016 - ASPETTIAMO ANCORA ? - Le sanzioni alla Russia? Giovano solo alle Imprese Usa
25.08.2016 - Il made in Italy all´estero è sfregiato - Allarme Coldiretti
27.07.2016 - White rinnova il patto con Ice a favore della creatività made in South Italy
06.07.2016 - La Pasta non Fà ingrassare, chi la mangia resta in forma - Studio italiano assolve la pasta
21.06.2016 - JEANS ETICO Quanto costa un paio di jeans prodotto senza far male a nessuno
30.05.2016 - CINA > Nell'industria del Cuoio paghe da fame, sicurezza a rischio, scioperi represssi.
12.05.2016 - Markets Specialist Master & Job - Lo Specialista dei Mercati per le aziende
05.05.2016 - La Francia chiude al Ttip
28.04.2016 - Made in Italy: in Unione Europea ci sono Formaggi senza latte e Vino senza Uva
27.04.2016 - ACCREDITAMENTO MISSIONE PRODUTTORI ITALIANI IN FRANCIA (RUNGIS) - AGROALIMENTARE
26.04.2016 - L'Abruzzo esporta negli Usa più computer che pasta
22.04.2016 - PRODUTTORI ITALIANI IN COREA DEL SUD
18.04.2016 - No UE all'etichetta Semaforo per l'Agroalimentare - Vittoria del Made in Italy
13.04.2016 - E GLI ITALIANI DICONO STOP ALL'ACQUISTO DEL LATTE PARMALAT
11.04.2016 - Focus Made in Italy > Hermès nel nuovo impianto di Héricourt il focus è sulla Kelly
07.04.2016 - Prosciutto Parma, Parmigiano, Grana vittime dell' etichetta semaforo nei supermarket Gb
06.04.2016 - Pomodori italiani, il made in Italy è a rischio: ecco cosa sta accadendo.
05.04.2016 - Export: inizio dell'anno in salita per il Made in Italy
04.04.2016 - Doveroso tutelare di più il Made In Italy
16.03.2016 - Gli imprenditori mecenati salvano il Paese dalle rovine
14.03.2016 - L
09.03.2016 - 90 secondi per sostenere l'esportazione del vero cibo italiano
04.03.2016 - Made in Italy, nasce il marchio per distinguere l
03.03.2016 - Il Veneto riavvia la filiera della seta 100% Made in Italy
02.03.2016 - Pasta con grano di importazione è sicura? Coldiretti contro aziende che lo usano
01.03.2016 - Iran e Argentina grandi opportunità per il Made in Italy - La notizia
10.02.2016 - Dal latte al grano, la sfida del Made in Italy Proteste di allevatori e agricoltori lungo tutta la penisola contro l
01.02.2016 - Una scarpa non può riportare la dicitura «made in Italy» se la cucitura della stessa si svolge all
28.01.2016 - Fornitore di pere strozzato da ribassi: Antitrust multa Coop
26.01.2016 - Ue ci impone l'olio tunisino: lo schiaffo ai nostri agricoltori Via libera a 35mila tonnellate di olio d'oliva tunisino a dazio zero.
25.01.2016 - Made in Italy, approvato in commissione la nuova proposta di legge
22.01.2016 - CONTRIBUTI AGEVOLATI ALL'ESPORTAZIONE
19.01.2016 - Premio
12.01.2016 - Serracchiani inaugura Contract made in Italy a Teheran
11.01.2016 - Il malfunzionamento della Pubblica Amministrazione peggio dell'evasione fiscale
05.01.2016 - Fallimento: La nuova legge ne cancella persino la parola, verrà sostituita dal termine liquidazione giudiziale
04.01.2016 - Il futuro non è nell
Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

[email protected]
Siti collegati
Info