OSSERVATORIO MADE IN

Sabato, 23 Settembre, 2017

Latte, dal 20 aprile obbligo di scrivere in etichetta il Paese di mungitura. “Ma varrà solo per i produttori italiani”

Notizia del 24/03/2017

I latticini che arrivano dagli altri Paesi Ue non dovranno indicare da dove arriva la materia prima. L'avvocato esperto in diritto alimentare: "In Europa esiste un regolamento su questo ma non ci sono le norme attuative. Solo la Francia e ora anche l'Italia hanno deciso di metterla in pratica". Così per il consumatore avere informazioni complete resterà una chimera

Il diritto di sapere con chiarezza da dove provengono e dove sono stati lavorati i prodotti che acquistiamo al supermercato deve fare i conti con la burocrazia e i tanti confini che esistono ancora in Europa ancora è costretta. Il 20 aprile prossimo entrerà in vigore in Italia un decreto ministeriale che stabilirà l’obbligo di indicare sulle etichette del latte e di tutti i prodotti lattiero caseari (formaggi, yogurt etc, etc) il Paese di mungitura, assieme a quello di lavorazione, ma in linea di massima solo se italiani. Gli scaffali dei nostri supermercati, quindi, non saranno affatto al riparo da etichette poco chiare, apposte su merci in arrivo da paesi stranieri. Magari anche da quelli in cui i controlli sulla salubrità degli ingredienti sono a maglie larghe o larghissime e per i quali non ci sarà alcun obbligo per quel che riguarda l’indicazione dell’origine della materia prima.

“Il consumatore non riuscirà a districarsi” – Le associazioni di allevatori sono divise. Se da una parte Coldiretti plaude al provvedimento, la Copagri lo critica apertamente. “Del resto parlare di latte in questo Paese non è mai stato né semplice né agevole”, dice a ilfattoquotidiano.it una figura molto addentro al settore e che lo studia da decenni, ma vuole restare anonima. “Da un punto di vista puramente compositivo – dice – noi abbiamo il peggior latte tra i paesi a vocazione lattiera d’Europa. Ma lei pensi il vespaio che si solleverebbe se io dicessi queste cose apertamente. E poi se dicessi che il latte sloveno è migliore del nostro”. Continua la fonte: “Venendo poi alle etichette, lei pensa che il consumatore medio italiano sarà in grado di leggerle? Tra dati nutrizionali, luoghi di origine, differenze tra lavorato, trasformato e ‘made in…’ chi riuscirà mai a districarsi?”.

L’obbligo vale solo per chi produce in Italia o Francia – Eppure tra i consumatori europei la voglia di capirci qualcosa è alta. Secondo un sondaggio Eurobarometro del 2013, la maggior parte dei cittadini dell’Ue (84 per cento) ritiene necessario indicare sul formaggio o sul brick il Paese dove il latte è stato munto o trasformato. Ma il Vecchio continente continua a non uniformarsi. Dal prossimo 20 di aprile saranno solo due i paesi nei quali sarà obbligatorio segnalare il luogo di mungitura e della lavorazione del latte e dei latticini: Francia e Italia. “Ma quest’obbligo si applica solo al latte e ai prodotti lattiero-caseari fabbricati nel territorio dei paesi la cui normativa sancisce l’obbligo di indicazione dell’origine della materia prima in etichetta. Principalmente, quindi, ai prodotti fabbricati in Italia e Francia”, spiega l’avvocato Barbara Klaus dello Studio legale Rödl & Partner di Milano, esperta in diritto alimentare. ”Le rispettive leggi nazionali – continua il legale – prevedono infatti che tali norme non si applichino ai prodotti legalmente fabbricati o commercializzati in altri Stati membri o in Paesi terzi. Per esempio visto che in Germania e in Austria la normativa non prevede tale indicazione dell’origine in etichetta, il latte e i prodotti lattiero-caseari (formaggi, yogurt etc.) fabbricati o commercializzati in questi paesi possono essere introdotti e commercializzati sul mercato italiano, senza indicare il luogo di mungitura e di condizionamento o trasformazione nell’etichetta”.


I prodotti spagnoli, tedeschi e austriaci continueranno a non indicare l’origine – Ne perde evidentemente la completezza dell’informazione. Sugli scaffali i prodotti lattiero caseari italiani e francesi indicheranno il luogo di provenienza del latte; quelli spagnoli, tedeschi, austriaci, olandesi e altri, no. Resteremo all’oscuro sia delle mungiture fatte in zone border line quanto a salubrità del prodotto, sia di quelle fatte in luoghi che abbiamo saputo offrono un latte migliore, come la citata Slovenia. In più, secondo altri esperti, il nostro Decreto ministeriale risulterà sostanzialmente depotenziato dalla libera circolazione delle merci, libertà fondamentale garantita dal diritto europeo, e dall’articolo 60 del Codice doganale dell’Unione europea. E non si potrà far nulla contro l’ingresso in Italia di prodotti lattiero-caseari con etichette poco chiare. “Nella realtà la norma è solo un grande spot elettorale; una ‘fake’ usando un termine inglese tanto di moda”, scrive sul suo blog Piero Nuciari, un agente scelto della Polizia annonaria del comune di Monte Urano in provincia di Fermo, diventato un blogger molto seguito sulle normative alimentari, animatore di www.pieronuciari.it.

“Logiche di mercato manovrate da chi non vuole chiarezza” – “E dire che in Europa già esiste un regolamento che obbliga a indicare il luogo di origine di un prodotto lattiero caseario”, dice l’avvocato Carlo Correra, anche lui esperto in diritto alimentare ma con studio a Salerno. “Il fatto è che di questa norma, la 1169 del 2011 – prosegue – non esistono le norme attuative e così non ha mai avuto alcun effetto. Solo la Francia e ora anche l’Italia hanno deciso di metterla in pratica, mentre altrove è rimasta lettera morta. Probabilmente – conclude l’avvocato Correra – questo corrisponde a certe logiche di mercato manovrate da chi non ha alcun interesse a fare chiarezza”. Anche se il consumatore, giustamente, la pretende.

  Versione Stampa   Invia  
Ritrovare il gusto del lavoro ben fatto
Notizia del 15/09/2017

Da: corriere.it -   Lo dico al Corriere Caro Aldo, mi ha colpito la lettera della mamma che piange sui sogni infranti dei giovani che devono superare il numero chiuso all’università. La mia generazione a 17-18 anni, salvo pochi casi, lavorava: alcuni studiavano di sera; altri facevano il doppio lavoro. La parola «sogni» non esisteva. Troppe università sono una fabbrica di frustrati. La storia della Statale di Milano è emblematica: pie...

 

Make up e prodotti da uomo, così il Made in Italy conquista gli americani
Notizia del 07/08/2017

Gli Stati Uniti sono un grande mercato per il Made in Italy del Beauty con un valore pari a 406 milioni di euro e una terza posizione nel 2016, dopo Francia e Germania, tra le destinazioni delle esportazioni italiane di cosmetici, con una notevole crescita del 24,4% rispetto al 2015. Questo valore rappresenta l'87,6% delle esportazioni nell'area Nafta (Canada, Messico e Stati Uniti).Il make up italiano conquista gli americaniSul mercato USA il make up made in Italy è al primo posto tra i ...

 

È made in Italy l’85% delle etichette di fascia alta online
Notizia del 04/08/2017

E' “made in Italy” l’etichetta più sfoggiata online dai marchi del lusso internazionale: l’85% dei prodotti di altagamma dei quali viene segnalata l’origine sul Web è infatti prodotto in Italia. Il predominio emerge da uno studio di Contactlab che ha analizzato il livello di trasparenza online di 29 brand del lusso. «Dall’analisi delle schede prodotto di 55mila articoli – spiega Marco Pozzi, Strategy & Organization Advisor presso Contactlab e autore della ricerca – abbiamo rilevato che solo il 30% dei prodotti di lusso on...

 

Coldplay, storia immigrati Usa in video
Notizia del 19/07/2017

I Coldplay hanno pubblicato il lyric video di Miracles (Someone Special), il nuovo singolo con il rapper di Detroit Big Sean contenuto nell'EP Kaleidoscope, uscito il 14 luglio e già ai vertici della classifica di vendita in Italia, UK, Francia, Germania, Spagna, Portogallo, Argentina, Hong Kong, Singapore, Brasile, Usa, Thailiandia e molti altri Paesi.    Il video è stato diretto da Ben Mor e, accompagnato da foto storiche del diciannovesimo e ventesimo secolo, celebra la lunga storia degli immigrati arrivati in America da tutto il mondo.    Kaleido...

 

Fisco, valanga di tasse, Sono troppe 143 scadenze a giugno
Notizia del 03/07/2017

Un'estate segnata dal Fisco. Scattano oggi le scadenze che di fatto segneranno i mesi estivi degli italiani che prima delle ferie dovranno pensare a saldare i conti col Fisco Un'estate segnata dal Fisco. Scattano oggi le scadenze che di fatto segneranno i mesi estivi degli italiani che prima delle ferie dovranno pensare a saldare i conti col Fisco.Si comincia subito domani con gli acconti di Imu e Tasi. Saranno interessati ben 18 milioni di proprietari di immobili che dovranno versare le imposte all'Erario. A pagare saranno anche i proprietari degli immobili in affitto. All'inqulino in questo...

 

CONFERENZA NAZIONALE MADE IN ITALY - 9 Giugno 2017
Notizia del 15/05/2017

Conferenza Nazionale Made in Italy Presentazione     Dott. Nazzareno Vita Itpi Direttore Apertura Avv. Pierfrancesco Maceratini Itpi Membro del Board Made in Italy, di cosa parliamo ? Stefano Medori Shoto Imprenditore Saluto Iniziale Relatori       Prof. Guido Tascini Univpm Direttore Istituto Informatica Intelligenza Artificiale nel futuro della moda Prof. Carlo Carboni Facoltà Economia Univpm Dip. Scienze Economiche Un caso di Made in Italy: l'artigianato di alta qualità e del lusso nell...

 

Delia Revelli: "Continueremo ad incalzare le industrie mettendo in atto azioni con i consumatori, anche sui nostri canali social, al fine di ottenere chiarezza e trasparenza"
Notizia del 09/05/2017

I Produttori possono concretamente contrastare ciò con la certificazione it01 .     In attesa dell’applicazione dell’etichettatura d’origine per il riso italiano, ottenuta in occasione della manifestazione di Coldiretti davanti al Mipaaf, è quanto mai necessario capire quali sono gli atteggiamenti veri dell’industria. In questa battaglia abbiamo coinvolto le associazioni dei consumatori che da sempre lottano per la trasparenza e la qualità. “L’etichettatura per il riso italiano sarà uno strumento fondamentale per la...

 

Mivar offre gli stabilimenti gratis a Samsung: "Venite a produrre qui"
Notizia del 03/05/2017

L'azienda ha una sede ad Abbiategrasso, alle porte di Milano, di fatto mai produttiva dalla diffusione della tecnologia dei televisori Lcd, che l'ha messa fuori gioco MILANO - Rivolgersi a coloro che ne hanno decretato la fine, per cercare una nuova vita. La Mivar, storico marchio delle televisioni del boom italiano dei decenni andati, si rivolge direttamente alla Samsung per cercare di dare una seconda vita al suo mega-stabilimento di Abbiategrasso, alle porte di Milano, di fatto mai andato a regime per colpa dell'evoluzione tecnologica. Ora il patron della Mivar, il 94enne Carlo Vich...

 

Riso, la chiamata alle armi dei sindaci: parte da Biella e Vercelli la mobilitazione per il Made in Italy
Notizia del 27/04/2017

Una mobilitazione nazionale per difendere la filiera risicola. È la battaglia a cui sono chiamati i sindaci delle province di Vercelli e Biella e i colleghi dei territori risicoli lombardi: nei prossimi mesi le giunte comunali potranno votare una delibera con cui chiedere all’Europa l’attivazione della clausola di salvaguardia, che permetterebbe di regolamentare le importazioni a dazio zero di riso da Paesi come Cambogia e Myanmar. Importazioni che stanno mettendo in ginocchio centinaia di aziende in Piemonte e Lombardia, regioni che producono il 93% dei chicchi made in Ital...

 

Pastore sardo chiede aiuto a Bill Gates, ‘Vorrei che visitassi questa terra’
Notizia del 26/04/2017

Buongiorno Bill, in quest’isola di 24mila chilometri quadrati vivono tre milioni di pecore, 700mila capre e 200mila mucche. Producono un latte molto pregiato dal quale si ricavano formaggi unici al mondo. Ti va di sponsorizzare la nostra battaglia per far sopravvivere questo sistema economico millenario?”.Questo sos è firmato da Fortunato Ladu, pastore sardo di Desulo, in provincia di Nuoro, con un allevamento a Pabillonis, nel Campidano di Cagliari. Una richiesta d’aiuto che sarebbe rimasta senza eco se fosse stata indirizzata a un Bill qualsiasi e non al fondatore di...

 

Proposte ITPI per un futuro del sistema produttivo italiano
Ditte che producono interamente in Italia:
La nostra proposta si sostanzia nel Made i...
Introduzione dell'obbligatorietà della preventiva Certificazione da ente italiano, sull'igien...
Il principio della reciprocità dovrebbe essere alla base del commercio internazionale. I Pro...
I Produttori Italiani, i produttori esteri e gli importatori oltre all'attuale etichettatura riport...
E' auspicata la modifica dell'Istituto dell'apprendistato. Lo Stato si dovrebbe far carico di almen...
Il Ministero dello sviluppo economico dovrebbe istituire un albo delle Ditte che delocalizzano, con...
E stato proposto al Ministero dello Sviluppo Economico di regolamentare le agevolazioni alla promoz...
Per dare concretessa ed un indirizzo all'autosufficienza, Il Ministero degli Esteri potrebbe istit...
Segnalazione al Ministero dello Sviluppo Economico per un'immediata defiscalizzazione e decontribuz...
Defiscalizzazione automatica di tutti gli investimenti in ricerca....
Possibilità di attingere alla garanzia statale (ex legge 662) attraverso tutte le banche. Ris...


Forum, Opinioni e Proposte

Come ristrutturare e rendere profittevole un centro storico, come far ripartire le piccole imprese edili , come riportare il commercio nei centri stor...
Made in Italy Originale con questa comunicazione Informiamo Ufficialmente le Dogane Italiane che, in base alla legge attuale sulle rappresentanze, l'...
La tutela del Made in Italy La trasmissione di Rai 3 "Presa Diretta" delle 20.30 del 17 marzo u.s. ha messo in evidenza lo stato di abbandono del sis...
CONSIDERAZIONI IMPORTANTI. Lavoro per tutti dovrebbe essere l’argomento più trattato in TV, ma è l’ultimo. Forse grandi inte...


Elezioni 2013: Proposte dagli Imprenditori nel senso
della responsabilità e dell'efficienza

Proposta che penalizza le imprese con addetti e fa...
Tassa che colpisce immobili privati e di impresa c...
Adozione di unica tassa del:
20% (iva)su tu...
I dipendenti potranno avere il raddoppio dei propr...
L'impresa, sulla base di una sintetica guida, deci...
Sulla base della legge 662/96 lo Stato attiva uno ...
A tutela del citadino italiano, lo Stato dovrebbe ...
Il futuro corre sulla banda larga. Passato il temp...
Le attività di interesse pubblico dovrebber...
Tutte le attività economiche sia di interes...
Dovrebbe essere favorita attraverso una minore tas...
Il sistema viario è stato progettato per l'...
Lo stato non deve più errogare nessun contr...
Potrebbero essere previsti rimborsi forfettari sen...
Il piano dovrebbe prevedere il blocco assoluto del...
I contratti di assunzione nel settore pubblico dev...
Visto che gli eletti dovrebbero progettare e gesti...
Tutti i contratti, firmatari, spese e ricevute dov...
Limitano l'accesso alle professioni da parte dei g...
Abolizione del istituto del fallimento per tutte l...
Un eccesso di vincoli e costi per le Imprese. Tras...

Invia la tua opinione o proposta
Made in Italy - Il portale ufficiale dei produttori italiani
Sede legale
Via Visconti di Modrone 18
20122 Milano
Sede operativa
Palazzo Produttori
Via Carlo Cattaneo 1
63900 Fermo
Vedi mappa

Tel +39.0734.605483
Fax +39.0734.605482

direzione@madeinitaly.org
Siti collegati
Info